Tag Archives: unione mediterranea

UM: Falcone e Borsellino sono un baluardo contro le mafie

Share Button

Importante iniziativa di Unione Mediterranea che intende promuovere una giornata della legalità in tutto il Mezzogiorno dedicandola ai due magistrati simbolo della lotta alle mafie “Borsellino e Falcone” . Leggi tutto

Fate business? Sposto al Nord!

Share Button

La divisione Customer Support Italia (CSI), è nata nel 2000 dall’aggregazione delle risorse e delle attività di logistica sia delle divisioni di prodotto, sia di quelle di ingegneria e produzione dello stabilimento di Giugliano. La sua missione è sviluppare e gestire il business del post-vendita, integrando le competenze ingegneristiche della logistica dei sistemi e di quella industriale. La divisione è punto di riferimento dei processi logistici e offre al cliente un servizio globale di Supporto Logistico Integrato (ILS) che garantisce la massima efficienza e disponibilità operativa degli impianti fornendo assistenza ai clienti per l’intero Life Cycle dei sistemi, in ogni parte del mondo. L’ ILS (Integrated Logistic Support) si traduce in contratti post-vendita di durata anche ventennale e coinvolge attività interdisciplinari ad alto valore aggiunto ed elevato know-how come:
– Produzione e Riparazioni industriali
– Progettazione ILS
– Assistenza tecnica
– Upgrading & Retrofit
– Manuali Tecnici
– Revisioni
– Training
Nelle intenzioni di Moretti (AD Finmeccanica) è proprio la base logistica ad essere candidata per l’emigrazione verso Nord, lasciando la mera produzione a Giugliano.
E’ ferma intenzione di Unione Mediterranea opporsi a questo ennesimo scippo di attività ai danni dei siti produttivi del nostro territorio, convocando in tempi brevi un tavolo tecnico-politico con i Sindaci di Napoli, Bacoli e Giugliano, le Organizzazioni Sindacali e i lavoratori.

Unione Mediterranea: noi MAI con Salvini

Share Button

“Il Sud non si può comprare come una mercanzia in offerta al miglior acquirente. La presentazione della lista “Noi con Salvini” a Napoli è la dimostrazione di come la Lega Nord stia cercando di rinforzare quella progettualità che ha portato negli ultimi venti anni alla maggiore diseguaglianza di tutti gli indici economici e finanziari tra Nord e Sud, ovviamente a favore della immaginaria Padania. Unione Mediterranea ribadisce come un Sud competitivo, vivo e socialmente innovativo non ha alcun bisogno delle parole di Salvini e del qualunquismo di una politica fatta di promesse e voluto scontro, ma di assenza totale di concretezza”: sono queste le valutazioni di Enrico Inferrera sulla presentazione a Napoli della lista “Noi con Salvini”, avvenuta ieri tra cortei di protesta e scontri tra manifestanti e polizia.

“Da quando la Lega ha capito che per promuovere “prima il Nord”, non serve adorare il Dio Odino ma votare per un partito italiano qualunque – ribadisce Flavia Sorrentino, Portavoce Nazionale Unione Mediterranea-, chiedere voti al Sud non è più un tabù: i “terroni” disprezzati e offesi per decenni, oggi sono utili alla causa leghista che punta a crescere nei consensi. Gli ascari che si vendono al padrone leghista non hanno memoria degli insulti, le ingiustizie e le vili umiliazioni, ma noi che mai ci alleeremo con i razzisti, non dimentichiamo. La politica dell’odio della Lega Nord nei confronti del Sud non può essere oggi banalizzata e barattata dietro logiche di accordi politici che vedono il Sud come mera merce di scambio.”

Unione Mediterranea promuove tra l’altro proprio in questi giorni, il lancio della propria campagna associativa , volta a convogliare nel movimento, la parte sana di quella società civile meridionale, intenzionata a rompere definitivamente quello stato di quiescenza della cittadinanza, rispetto ad arbitrari abusi della politica nazionale e regionale. Dopo il progetto civico della lista MO! ed i risultato raggiunto alle recenti elezioni regionali, il movimento ribadisce la propria vitalità ed il lancio di importanti iniziative in tutto il Sud d’Italia.

1377362_890261587685621_5589595796375605877_n

UM, tesseramento 2015: il 18 Luglio in piazza per il riscatto del Sud

Share Button

Prende il “via” il 18 Luglio 2015 la campagna di tesseramenti di Unione Mediterranea, successiva al secondo congresso nazionale tenutosi a Matera il 21 e 22 Giugno scorsi.

I circoli territoriali di UM organizzeranno eventi informativi dove saranno presenti i nostri rappresentati locali e nazionali per conoscere le proposte e le iniziative del Movimento.

Clicca qui per chiedere ai responsabili dei circoli come fare per seguire da vicino tutte le attività di Unione Mediterranea.

Per prendere parte al gazebo che si terrà Sabato a Napoli in Via Scarlatti dalle ore 10.00 alle ore 13.00 conferma qui la tua partecipazione.

UM SEI TU.

logo

UM, le attività sul territorio: il circolo “I Sarrastri” incontra iscritti e simpatizzanti.

Share Button

Giovedì 16 Luglio 2015 alle ore 20.30 in Viale Manzoni 231 a Poggiomarino, il circolo di Unione Mediterranea “I Sarrastri”, incontra iscritti e simpatizzanti per pianificare le prossime attività sul territorio. Durante l’incontro sarà possibile tesserarsi per iscriversi al movimento. Inoltre, si discuterà insieme ad alcune associazioni civiche, dell’iniziativa di Legambiente “Puliamo il mondo 2015”.

Per saperne di più contatta il responsabile del circolo territoriale “I Sarrastri”.

UM sei tu.

logo

 

UM accanto al popolo greco: votare Oxi è un segnale per tutta l’Europa

Share Button

“Nessuno speculi sulla Grecia e sul suo popolo”: così Enrico Inferrera commenta la difficile situazione di queste ultime ore della Grecia, che rischia di divenire una vera e propria mina vagante per l’Europa.

“Esprimiamo piena solidarietà alla popolazione greca, che come quella meridionale è vittima di scelte nazionali che non hanno mai preso in considerazione il primo ed unico obiettivo della politica: porre l’uomo e la sua dignità al centro della comunità.”

“Unione Mediterranea – afferma Enrico Inferrera – non è contro l’euro ma contro un crescente impoverimento che un’ Europa troppo obbediente alla Germania sta generando in tutti i paesi del Mediterraneo, dove le fasce sociali più deboli sono schiacciate da crisi senza precedenti. Non siamo antieuropeisti ma questa Europa non è quella che noi immaginavamo. Votare OXI (No) è un segnale che la Grecia può dare a tutta l’Europa: in democrazia il popolo è sovrano e la sua richiesta di aiuto non può essere considerata secondaria a nessuna esigenza di austerità economica.”

 

logo

Unione Mediterranea annuncia le linee guida: “i nostri iscritti sono i veri protagonisti del riscatto del Sud”.

Share Button

11700827_10206742685956332_1041909064339605025_n“Un grande movimento popolare, democratico, meridionalista nei valori e negli obiettivi, sostenuto da tutti coloro che hanno a cuore il presente ed il futuro del Sud: sono queste le premesse con cui si è svolto il primo incontro ufficiale di Unione Mediterranea, dopo il secondo congresso nazionale del Movimento tenutosi a Matera il 21 e il 22 Giugno scorsi.

In un clima caldo e propositivo Il neo Segretario Nazionale Enrico Inferrera, ha aperto una nuova era per UM che in continuità con il lavoro svolto da Marco Esposito , si appresta a consolidare i consensi raggiunti con la splendida esperienza della lista civica MO! e ad ampliare la propria base organizzativa, attraverso un capillare radicamento sui territori del Mezzogiorno, per offrire una risposta seria e concreta alla penuria di proposte politiche dei partiti nazionali.

In sintonia anche Flavia Sorrentino Portavoce Nazionale di Unione Mediterranea, che ha chiarito durante il suo intervento in che modo sarà impostata la struttura comunicativa del Movimento, affinchè si definiscano i contenuti e le proposte e in cui comunemente riconoscersi. “Unione Mediterranea- ha dichiarato- si propone come alternativa politica meridionalista nel panorama partitocratico italiano: con il lavoro e l’impegno di ciascuno, prepareremo il movimento ad affrontare le grandi sfide del futuro che attendono il Sud.”

Tanti gli interventi e le proposte, tutti all’insegna del fare e del fornire soluzioni concrete ai problemi dei cittadini. Attraverso il coinvolgimento, l’ esperienza e le competenze di chi ve ne fa parte, Unione Mediterranea darà vita a “dipartimenti tematici”, rappresentati da gruppi di lavoro, vere e proprie sentinelle presenti sul territorio, in grado di stare accanto alle comunità locali e porsi come punto di riferimento delle loro istanze. Impegno ad attenzione nei confronti della lotta allo scempio ambientale come ribadito dall’ex portavoce dei comitati fuochi Lucio Iavarone, nuove politiche occupazionali, attenzione per il sociale, per il rilancio dell’imprenditoria e dello sviluppo.

Non esistono grandi tematiche e problemi minori, ma esigenze dei cittadini che devono ritornare ad essere i grandi protagonisti della politica. In questo senso gli interventi di Alessandro Cantelmo, Alessandro Lerro, Salvatore Legnante, Carlo Ceresa, Leonardo Lasala, Guglielmo Ursumando, Alida Competiello, Roberto Natale, Attilio Fioritti, Francesco Labruna, Carlo Manna e tanti altri intervenuti, tra cui il giornalista de “Il Brigante” Gino Giammarino che ha sottolineato la necessità di continuare a percorre i binari della coerenza fino ad ora perseguita.

La linea del nuovo Segretario Nazionale prevede una partecipazione attiva e il coinvolgimento reale di tutti gli iscritti: al via dunque la nuova campagna di tesseramento attraverso i circoli esistenti e l’apertura di nuovi circoli per una maggiore rappresentanza sul territorio.

“Unione Mediterranea apre le sue porte a tutti coloro che ritengono di poter apportare un contributo in termini di idee, impegno , passione politica e valorizzazione del territorio”. La forza di un Movimento come il nostro- ha concluso Inferrera- è la sua gente, e solo attraverso la partecipazione di tutti sarà possibile ‘scardinare’ la storica e documentata azione di smembramento della nostra identità, affinchè si possa recuperare un senso si appartenenza comune all’insegna della crescita e di nuove opportunità per questa terra e i suoi figli.”

11692673_1144772038901240_593798521121284602_n

Giovedì con Unione Mediterranea: incontriaMO iscritti e simpatizzanti

Share Button

Giovedì 2 Luglio alle ore 18.30 nella sede di Confartigianato di Napoli, in Via Medina 63, Unione Mediterranea incontra iscritti e simpatizzanti per informare su quanto stabilito a Matera il 20 e 21 Giugno in occasione del secondo congresso nazionale del Movimento, comunicare le prossime iniziative e attività in cantiere e conoscere il neo segretario eletto Enrico Inferrera.

Ti aspettiamo: cresciamo insieme per il riscatto della nostra terra.

UM siamo noi.

logo

Unione Mediterranea in Europa presenta una petizione sui diritti al Sud. Ecco le tappe.

Share Button

UNIONE MEDITERRANEA PRESENTA UNA PETIZIONE ALLA COMMISSIONE PER
LE PETIZIONI DELL’UNIONE EUROPEA-

24 giugno alle ore 15,30 incontro a Charleroi con la comunità italiana. Commemorazione caduti di Marcinelle con deposizione di una corona di fiori a nome di Unione Mediterranea.

25 giugno Alle ore 10,30 consegna  delle firme alla Commissione per le petizioni a Bruxelles.

27 giugno Incontro con il marchese Olivier de Trazegnies, discendente di Alfred de Trazegnies trucidato senza processo come brigante dall’esercito piemontese.

Diritti fondamentali al Sud: UM presenta una petizione all’UE contro lo Stato Italiano

Share Button

Il Giorno 25 giugno alle ore 10,30 una delegazione di Unione Mediterranea guidata dalla dott.ssa Rosella Cerra presenterà alla Commissione per le Petizioni dell’Unione Europea una petizione ai sensi dell’articolo 44 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea. Con la petizione, un dossier di 70 pagine, si denunciano le violazioni in vaste aree dell’Italia meridionale e della Sicilia degli articoli 1 (dignità umana), 2 (diritto alla vita), 15 (libertà professionale e diritto di lavorare), 31 (condizioni di lavoro giuste ed eque), 34 (sicurezza sociale e assistenza sociale), 35 (protezione della salute), 37 (protezione dell’ambiente) e 38 (protezione dei consumatori).

Unione Mediterranea propone l’istituzione nel Parlamento europeo di una Commissione speciale della durata di tre anni denominata “Dignità, vita, lavoro, sicurezza, salute, ambiente e protezione dei consumatori in tutti i territori dell’Unione europea”, che dovrebbe avere il compito di analizzare e valutare nell’intera area dell’Unione europea, a partire dall’Italia meridionale e dalla Sicilia, l’entità del fenomeno dell’avvelenamento dei territori da interramento dei rifiuti, affondamento di navi e altre forme di devastazione ambientale, con particolare attenzione alla qualità delle acque, dei cibi, dell’aria; valutare proposte per circoscrivere le aree contaminate e procedere alle bonifiche; promuovere una certificazione dei prodotti nell’interesse primario della salute dei consumatori e della tutela delle attività imprenditoriali; verificare il corretto utilizzo dei fondi pubblici e in particolare dei finanziamenti dell’Unione Europea; proporre misure adeguate che consentano all’Unione di prevenire e contrastare tali minacce, a livello internazionale, europeo e nazionale.

Unione Mediterranea chiede inoltre una revisione della storia dell’unificazione italiana così come viene raccontata sui libri scolastici, con il riconoscimento delle vere cause e delle modalità che hanno portato all’unificazione nazionale ed alle discriminanti modalità di gestione delle popolazioni meridionali; chiede altresì che si metta fine alla disparità di trattamento economico tra il Sud e le altre aree del Paese che si perpetra ininterrottamente da 155 anni, unita al furto continuo di risorse materiali ed umane.

La petizione sarà corredata di circa 10500 firme che la Lista Civica di Scopo “Terra Nostra” ha raccolto nella circoscrizione Italia meridionale in occasione delle elezioni per il rinnovo del Parlamento europeo del 25 maggio 2014. L’appuntamento per la consegna della petizione è alla Rue Wiertz 60, dove la delegazione potrà rispondere alle domande dei giornalisti che vorranno essere presenti. Si segnala inoltre che la stessa delegazione si recherà il 24 giugno alle ore 15,30 a Charleroi, presso la miniera di Marcinelle, per incontrare la comunità italiana e per rendere omaggio alle vittime del tragico incidente con la deposizione di una corona di fiori.

 

logo

« Articoli precedenti Articoli recenti »