POVERTA’ NEL MEZZOGIORNO

Share Button

Sono stati pubblicati i dati Istat sulla povertà in Italia, dai quali è emersa una situazione drammatica per l’italia intera e disastrosamente tragica per il Sud.

Povertà assoluta. L’Istat ha calcolato la soglia di povertà assoluta, ossia la spesa minima mensile di beni e servizi considerati essenziali per uno standard di vita minimamente accettabile, ed è emerso che nel mezzogiorno d’italia l’11,4% degli individui e il 10,3% delle famiglie sono in povertà assoluta (ossia vivono al si sotto di questa soglia) contro la media nazionale dell’8,4% degli individui e 6,9% delle famiglie.

Incidenza di povertà. E’ il rapporto tra il numero delle famiglie/persone con spesa mensile sotto o pari all’indice di povertà e il totale delle famiglie/persone residenti. In particolar modo a destare la nostra attenzione sono stati gli incrementi significativi sia per le famiglie da 8,5% a 10,3% (Italia da 6,3% a 6,9%) sia per gli individui da 9,8% a 11,4% (Italia da 7,9% a 8,4%).

Intensità di povertà. Se analizziamo il dato dell’intensità della povertà ossia quanto la spesa mensile delle famiglie povere è mediamente sotto la linea di povertà, ovvero quanto poveri sono i poveri, emerge un dato di stabilità nel resto d’italia e di crescita (di povertà) al sud da 20,5% a 22,7%.

Aree territoriali. Emerge un dato interessante relativo alle aree territoriali in cui questo disagio si sviluppa. Mentre al nord le aree maggiormente colpite sono le periferie delle aree metropolitane e dei grandi comuni, al sud, invece, ad essere maggiormente colpiti sono i centri delle aree metropolitane con una crescita da 5,8% a 10,1% e i comuni fino a 50.000 abitanti che passano da 7,8% al 9,8%.

Livello di istruzione. I valori più alti di povertà sono riscontrabili in contesti con livelli di istruzione medio bassi: persone con nessun titolo di studio o licenza elementare, con incremento dal 24,6% al 35,7%; persone con licenza media, con incremento da 27% a 28,7%. Stupisce che ad essere colpiti siano anche famiglie e individui con dilpoma o laurea, con una crescita dei livelli di povertà dall’11,6% al 14,1%.

Sottogruppi. Alcune ulteriori classificazioni possono essere fatte tra le famiglie povere dividendole in sottogruppi in base a quanto si distanziano dalla soglia di povertà. Possiamo così individuare le famiglie “sicuramente povere”, il cui livello di spesa mensile è oltre il 20% inferiore alla linea standard di povertà e che mostrano, nel mezzogiorno, un dato di crescita allarmante dal 10,5% a 12.5%. Seguono le famiglie “appena povere” che crescono dal 9,2% al 12,2%.

Gruppi sociali. Anche la povertà assoluta divisa per gruppi sociali mostra delle differenze tra nord e sud come ad esempio per le famiglie di operai in pensione e i giovani blue collar, che rivelano rispettivamente percentuali dell’8,6% e del 6,4% contro il 2,6% e il 3,5% del nord.

Il report del’Istat infine mette in evidenza alcune variazioni statisticamente significative. Vediamo quelle che riguardano il Sud:

Povertà assoluta

famiglie in povertà assoluta da 8,5% a 10.3%

individui in povertà assoluta da 9,8% a 11,4%

famiglie di soli italiani da 7,5% a 9,1%

famiglie di soli stranieri da 29,7% a 42,6%

centri area metropolitana da 5,8% a 10,1%

comuni fino a 50.000 abitanti da 7,8% a 9,8%

Poverta relativa

famiglie in povertà relativa da 19,7% a 24,7%

individui in povertà reltiva da 23,5% a 28,2%

La situazione tragica che emerge dai dati Istat ci porta ad una riflessione più profonda sulla situazione del meridione, partendo dall’analisi dei dati è facile capire quali sono le conseguenze: sempre più giovani saranno costretti ad emigrare al nord o all’estero alla ricerca di condizioni di vita migliori. Vasti territori del sud Italia si trasformeranno, o si stanno già trasformando, in zone abbandonate senza futuro.

I livelli di povertà in Italia cambiano tragicamente al cambiare della latitudine, con percentuali che raggiungono al nord il 5,9%, al centro il 7,9% e al sud il 24,7% (con una media italiana del 12,3%). Solo importanti investimenti mirati e una programmazione adeguata potranno invertire questi dati mostruosamente allarmanti, ma per ora all’orizzonte non c’è nulla di tutto ciò.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.