Il pozzo della colonia

Share Button

Il Movimento Unione Mediterranea ha inoltrato ieri, 25 marzo ’16, le osservazioni relative all’istanza di perforazione del pozzo esplorativo D.R 74.AP per la ricerca di gas metano in Calabria, avanzata dalla società milanese Apennine Energy lo scorso 28 gennaio. Un progetto che era stato già stato rigettato dallo stesso Ministero dell’Ambiente quando si era presentato con un altro nome e codice, oltre che da quasi tutti i comuni coinvolti.

Il cantiere dovrebbe sorgere a ridosso dei laghi di Sibari che ricordiamo è uno dei più importanti centri di turismo nautico del Mediterraneo e degli scavi archeologici, compreso fra due Siti di Interesse Comunitario (SIC), la “Foce del Crati” e i “Casoni di Sibari”. La zona circostante è agricola e vi si producono anche eccellenze come le clementine DOP e il risone che prodotto nella Piana di Sibari (35/40.000 quintali) viene riconosciuto, dalle più importanti riserie italiane, di alta qualità. Insomma andrebbe a sorgere nel cuore di una zona a forte vocazione turistica ed agricola che punta sulle reali risorse per il proprio sviluppo, che sono il mare, il sole e la storia. Un progetto quello della Apennine che è stato fin dall’inizio, quando si era presentato con un altro nome e codice, già stato rigettato dallo stesso Ministero dell’Ambiente.

Secondo l’amministratore delegato Mededdu si tratta di “ progetto che consentirà la valorizzazione di una vera risorsa naturale pulita quale è il gas metano. Un progetto che darà lustro alla Calabria e potrà partecipare con l’indotto all’economia della zona…. che ci obbliga a sfruttare al massimo tutte le potenzialità della nostra Italia, in primo piano quelle energetiche”. Considerando che come “compenso” prevedono solo qualche opera di “recupero di aree dissestate” e la “promozione e sviluppo sostenibile del territorio”. Quindi anche la beffa! Inoltre secondo sempre lo stesso AD lo sfruttamento in questione si avrebbe “senza che spetti nulla al comune che ospita la trivellazione ed il pozzo”.

Insomma in pieno stile coloniale!

Un motivo in più questo per votare SI al referendum contro le trivelle, perché un segnale chiaro deve partire proprio dal SUD attenzionato dal nostro governo per le presunte riserve di petrolio e metano, scarse e di scadente qualità che andrebbero a distruggere quelle che sono le reali tendenze e vocazioni dei nostri territori e dei nostri mari. Ma forse l’obiettivo è proprio questo. Affossare definitivamente il SUD!

Rosella Cerra – Lucio Iavarone

Dipartimento Ambiente MO-Unione Mediterranea

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.