Convegno “IL MEDITERRANEO E LA SUA BIODIVERSITA’ FRA INQUINAMENTO ACUSTICO, ACIDIFICAZIONE ED ESTRAZIONI PETROLIFERE”

Share Button

Gentilissimi, vi informiamo che sabato 5 marzo ad Amantea dalle 9.00 alle 13.00 si terrà il convegno “IL MEDITERRANEO E LA SUA BIODIVERSITA’ FRA
INQUINAMENTO ACUSTICO, ACIDIFICAZIONE ED ESTRAZIONI PETROLIFERE
“.

Dopo il workshop tenuto nella sede della lega Navale di Davoli, organizzato  in collaborazione con il movimento Unione Mediterranea, continua l’ informazione fra la gente e con gli addetti ai lavori. Qui si è ampliato il fronte di intervento collaborazione anche con le scuole.

Il Workshop ha come tema il Mediterraneo  e la sua biodiversità a rischio fra inquinamento acusticoacidificazionesfruttamento di idrocarburi e gli strumenti per la sua tutela.

Il workshop avrà inizio alle ore 9.00 sarà presentato  dall’architetto Saverio Magnone, presidente lega navale Amantea. Seguiranno i saluti della professoressa Monica Sabatino, sindaco di Amantea, del professore architetto Francesco Calabria Dirigente Scolastico del Polo Scolastico di Amantea e del  C.F. (CP) Antonio Lo Giudice, Comandante Capitaneria di Porto di Vibo Valentia.

 Relazioneranno 

-Dottoressa Stefania Giglio, biologa del Centro Studi Cetacei Onlus, si occupa del censimento degli spiaggiamenti di cetacei lungo la costa calabrese: “Rete di sorveglianza diagnostica a tutela della salute e del benessere degli animali spiaggiati lungo le coste Calabresi”.

-Dottoressa Maria Cristina Gambi, ricercatrice della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Ischia (Na). Si occupa di monitoraggio dell’acidificazione del Mediterraneo: “Acidificazione marina e biodiversità: esempi dai siti di emissione di CO2 dei nostri mari”.

-Professore Gianni Pavan , direttore CIBRA (Centro Interdisciplinare di Bioacustica e Ricerche Ambientali ) Università di Pavia, Dipartimento Scienza della Terra e dell’Ambiente, estensore Linee Guida ACCOBAMS, strumento a carattere internazionale punto di riferimento per la mitigazione dell’inquinamento acustico: Inquinamento acustico nel Mediterraneo e mitigazione dell’impatto nella legislazione

-Professore Enzo di Salvatore, Università di Teramo, docente di Diritto Costituzionale, estensore dei quesiti referendari NO-TRIV: Profili giuridici delle estrazioni petrolifere in Italia

-Avvocato Benito Spanti, dirigente avvocatura Regione Calabria,  redattore dei ricorsi della Regione contro alcune istanze di ricerca di idrocarburi nell’alto Ionio cosentino: Attività legali della Regione contro le istanze di ricerca nel Mare Ionio

A moderare il convegno sarà la dottoressa Rosella Cerra, responsabile Ambiente Unione Mediterranea Calabria

Previsto anche l’intervento degli studenti, del tutor dell’Arpacal e dei docenti coinvolti nel progetto “Quanto è Profondo il Mare”.

Le conclusioni saranno a cura del Consigliere Regionale Arturo Bova, Presidente della Commissione contro la ‘Ndrangheta , Componente Commissione Ambiente e del Rag. Antonio Nicoletta, Delegato Regionale della Lega Navale Italiana.

locandina

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.