In un territorio dove si rischia di morire di tumore, intanto si muore per una lamiera.

Share Button

La discarica di San Calogero, oggetto del processo “Poison”, è ritenuta la più pericolosa d’Europa in quanto contiene oltre 130mila tonnellate di rifiuti provenienti da centrali termoelettriche a carbone. Si tratta di rifiuti molto pericolosi. Siamo in un territorio che confina con le provincie di Vibo Valentia e Reggio Calabria, sulla statale 18 che dalla vicina Piana di Gioia Tauro porta verso Vibo Valentia, al bivio per la frazione Calimera sorge la ex fabbrica di laterizi abbandonata da quasi dieci anni. Secondo la Procura di Vibo Valentia, tra il 2000 e 2007, Tir avevano effettuato 4512 conferimenti, trasportando a San Calogero le scorie tossiche provenienti per lo più dalla centrale termoelettrica dell’Enel di Brindisi. Sarebbero stati stoccati metalli pesanti, solfuri, cloruri, fluoruri, nichel, selenio, stagno e vanadio. I periti dell’accusa non escludevano «la concreta e reale possibilità che i componenti pericolosi presenti in abbondanza nel sito potessero essere diffusi nell’ambiente circostante». Da qui il rischio concreto di compromettere irrimediabilmente la salute del territorio e dei propri cittadini, visto che lo smaltimento potrebbe avere effetti devastanti se si considera la presenza di due corsi d’acqua nei pressi dell’ex fornace oggi,  purtroppo, tornata alla ribalta per l’omicidio, il 2 giugno scorso, del povero Sacko Soumayla .

Incredibilmente dalle menti bacate di molti utenti dei social, probabilmente corrose da una continua campagna politica leghista basata sull’odio, il problema non sono quelle 130mila tonnellata di morte ma è quel ragazzo di 29 anni bracciante con i documenti in regola e padre di una bambina di 5 anni che nell’area dell’ex fornace abbandonata, assieme a due connazionali non stavano rubando nulla, stavano solo cercando delle lamiere – hanno raccontato gli altri due – per i loro alloggi di fortuna nella baraccopoli di San Ferdinando.

Che la magistratura non sia riuscita a consegnare alla giustizia i 14 imputati ritenuti responsabili di “avvelenamento colposo” in quanto il reato è andato prescritto, non sembra aver intaccato le loro coscienze razziste, che invece giungono fino alla giustificazione di un omicidio per un, probabile, furto di lamiere in un ex sito industriale che, pur sotto sequestro da quasi dieci anni, qualcuno considera ancora cosa sua.

MO Unione Mediterranea in occasione delle elezioni europee di Maggio 2014, ha presentato la lista civica di scopo Terra Nostra, con l’obiettivo di inoltrare una petizione al Parlamento europeo per l’istituzione di una commissione straordinaria d’inchiesta, che avesse il compito di monitorare e realizzare verifiche ed analisi sul territorio dell’Italia meridionale e della Sicilia, Il giorno 25 giugno 2015 una delegazione di Unione Mediterranea ha presentato alla Commissione per le Petizioni dell’Unione Europea la petizione, con la petizione anche un dossier di 70 pagine, in cui si denunciavano le violazioni in vaste aree dell’Italia meridionale e della Sicilia degli articoli 1 (dignità umana), 2 (diritto alla vita), 15 (libertà professionale e diritto di lavorare), 31 (condizioni di lavoro giuste ed eque), 34 (sicurezza sociale e assistenza sociale), 35 (protezione della salute), 37 (protezione dell’ambiente) e 38 (protezione dei consumatori) della medesima Carta.

Il 17 marzo 2016 la Commissione per le Petizioni dell’Unione Europea ha dichiarato ricevibile la petizione n. 0748/2015

La Presidente della Commissione, on. Cecilia Wikström, con lettera del 17/03/2016 protocollo D305560, ha inviato la petizione all’allora Presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz, nella speranza che “possa essere usata come contributo alla vostra attività”. Abbiamo cercato negli ultimi mesi di ottenere quanto richiesto, sollecitando in tal senso l’attuale Presidente Antonio Tajani, ma solo un’azione congiunta di eurodeputati meridionalisti, oggi ancora assenti, potrebbe portare ad ottenere qualche risultato pratico.

A pagina 52 punto f del dossier viene menzionato proprio quel sito denunciato nella Petizione (Clicca qui per scaricare l’intera petizione in formato PDF)  che abbiamo presentato a Bruxelles, e recita:

  1. f) SAN CALOGERO: interramento rifiuti tossici Dopo quattro anni dall’ emissione degli avvisi di garanzia e numerosi rinvii delle udienze per mancanza di giudici si è aperto il processo “Poison” che vede 12 persone accusate di aver provocato un disastro ambientale gestendo abusivamente 127.000 tonnellate di rifiuti industriali tossici provenienti da Brindisi e poi finiti illegalmente, dal 2000 al 2007, negli impianti della discarica “Fornace tranquilla” di San Calogero. Il presidente del Tribunale monocratico, Anna Rombolà, ha infatti incardinato il dibattimento dopo aver rigettato alcune questioni preliminari ed ammesso le richieste istruttorie. Lo stesso magistrato ha accolto la costituzione di parte civile del Comune di San Calogero e del Wwf, rinviando il processo al 19 febbraio quando saranno sentiti i primi testi dell’accusa. La gran parte dei reati contestati, che risalgono ad un lasso di tempo compreso tra il 2000 e il 2007, sono ormai prossimi alla prescrizione. Nella passata udienza il giudice Lucia Monaco, designata dopo oltre un anno, si era astenuta dalla trattazione poiché incompatibile avendo già fatto il gip nello stesso procedimento. Il presidente del Tribunale, Antonio Di Marco, aveva poi designato un nuovo magistrato non incompatibile, individuandolo nel giudice Anna Rombolà. Il giro d’affari al centro dell’inchiesta condotta nel 2010 si aggirerebbe attorno 18 milioni di euro perché tanto sarebbe costato il regolare smaltimento alle centrali Enel di Brindisi, Priolo Gargallo e Termini Imerese da cui provenivano i rifiuti smaltiti invece nel Vibonese. L’indagine condotta nel 2010 dal personale della Guardia di Finanza di Vibo, ruotava attorno al rilascio di autorizzazioni non conformi nei confronti della società sotto inchiesta: la “Fornace Tranquilla Srl”, il cui titolare, Giuseppe Romeo, arrestato nel novembre 2009, avrebbe attestato falsamente, secondo l’accusa, il recupero mai avvenuto dei rifiuti pericolosi che, di volta in volta, venivano inviati nel territorio di San Calogero a ridosso di coltivazioni di agrumi.

Il neo Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, ha puntato in quei territori su una campagna elettorale tipicamente leghista rilanciando un cavallo di battaglia già collaudato: individuare un nemico da offrire ai potenziali elettori. Qualche anno addietro i prescelti furono i Terún offerti sull’altare della padana, oggi i “fortunati” sono gli immigrati. In una Regione, la Calabria, in un territorio come quello della Piana di Gioia tauro, il nemico individuato come causa di tutti i mali è, secondo Salvini e i suoi elettori Terroni, lo straniero, il negro, u niru. E così il senatore Matteo Salvini viene eletto proprio in Calabria, la Lega nella Piana ha incassato 7 mila voti, un’enormità. 55 mila i voti ottenuti dalla Lega in Calabria: il 13% a Rosarno, l’8,4% a Lamezia Terme, 11,2% a Tortona, l’11,7% a Nocera Terinese, il 14,9 % a San Mango d’Aquino, il 12% a Corigliano … La folla lo acclamava al grido «Matteo salvaci tu».

Da che cosa? Dalle denunce presentate a Bruxelles nella petizione di MO Unione Mediterranea? Dalla crescente disoccupazione? Dal rischio desertificazione umana e industriale (dati svimez) ?, dall’ultimo posto tra le 270 regione della UE (dati Eurostat) ? NO… la salvezza viene invocata dall’invasione dello straniero, l’invasione di una terra che economicamente non esiste già più, provate a vendere un casa o un terreno e  ne constaterete un valore praticamente nullo.

La verità è che il gioco sulle paure di ciò che non si conosce è vecchio quanto il mondo, quando il mondo si credeva fosse ancora quadrato e asserire che era tondo rappresentava un rischio concreto, e ancora oggi in molti abboccano.

Ma di che cosa abbiamo veramente paura, quando abbiamo paura, possibile che in Calabria il pericolo sia rappresentato da un immigrato ?

Povera terra mia.

Massimo Mastruzzo

Portavoce Nazionale MO Unione Mediterranea

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.