Il 4 MARZO SI VOTA, IL MEZZOGIORNO È NEI PROGRAMMI ELETTORALI ?

Share Button

di Massimo Mastruzzo
Portavoce Nazionale MO Unione Mediterranea

Basta dare uno sguardo ai programmi dei partiti per accorgersi che, salvo Potere al Popolo (punto 14 – UNA NUOVA QUESTIONE MERIDIONALE) che inserisce la sua questione meridionale tra le universali battaglie contro capitalismo e neoliberismo, in nessuna forza politica si affronta quella storica Questione Meridionale che da Giustino Fortunato a Gramsci fino a Nicola Zitara è rimasta tuttora irrisolta.
Passi pure la new Lega di Salvini che, da statuto, ha fatto dell’antimeridionalismo e dell’egoismo territoriale nordista un punto fermo e che ora, in cerca di consenso, si presenta nelle regioni meridionali come l’ennesimo nuovo salvatore disceso, non dal cielo, ma dal più vicino nord. Ma le altre forze politiche che, travestite nel significato stesso della parola ipocrisia, hanno versato fiumi di lacrime sul destino del Mezzogiorno, come si pongono verso la questione meridionale, che sia quella storica o quella attuale?
Per Berlusconi, ovvero Forza Italia, nulla è cambiato rispetto alla discesa in  campo del 2004: promessa più, promessa meno, sono le stesse che nell’ormai storico salotto di Bruno Vespa consegnò sotto forma di contratto con tanto di autografo agli italiani, le stesse clamorosamente smentite negli anni successivi dai dati sull’aumento della disoccupazione e la progressiva desertificazione delle aree meridionali.
Più a destra del Cavaliere, Giorgia Meloni e suoi Fratelli d’Italia ricorrono ai ricordi della letteratura, del grande impegno, nei fatti tradito, del dopoguerra per il recupero delle differenze infrastrutturali tra il nord e il sud.
Il PD è alle prese con il bilancio di fine legislatura e con le varie aree politiche staccatesi. Queste, in vista delle prossime politiche, sono confluite nel cartello elettorale di LeU, pur avendo governato e proposto insieme varie inconcludenti soluzioni per il Mezzogiorno. Come, ad esempio, la creazione di un ministero per il Mezzogiorno (a proposito: il ministro uscente si candiderà al centronord…), le Zes e l’ultimo provvedimento “Resto al Sud”: tutto inutile se non si “tolgono i sassi” per migliorare i collegamenti! Infine il masterplan, presentato come la panacea di tutti i mali meridionali, ma penosamente fallito: come dimostrato dai recenti dati dell’Eurostat, che ha piazzato la Calabria, la Sicilia, la Campania e la Puglia tra le sei Regioni europee con i più bassi tassi di occupazione tra le 270 nelle quali l’Eurostat stesso divide l’Unione Europea.
Proseguono tutti, compatti e divisi, nell’ignorare che senza giustizia sociale e senza lavoro non c’è libertà e nel nostro Sud non si respira aria di libertà da oltre un secondo e mezzo.
Mentre il mondo politico tutto si concentra sul problema immigrazione: accogliamo, respingiamo, identifichiamo, integriamo. Quello della emigrazione interna non si è mai arrestato e da generazione in generazione ha portato il sud al rischio concreto di desertificazione umana e industriale (dati Svimez).
Deve essere chiaro il concetto che alcuni provvedimenti dei partiti nazionali seppur universalmente condivisibili ( Legge Fornero, art. 18, reddito di cittadinanza, ecc.) non possono confondersi con le specifiche istanze necessarie per il Mezzogiorno dove solo con un’azione meridionalista si può contribuire alla causa della Questione Meridionale.

Commenti

commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *