Archivio Notizie

Tutte le notizie dal mondo del meridionalismo

“Macroregione? Si, ma non credo ai progetti dei partiti nazionali”

Share Button
Intervista a Massimo Mastruzzo, Portavoce Nazionale di MO Unione Mediterranea

1) Politica meridionalista mediterranea? Cos’è?

Il termine “Mediterranea” aggiunto al più classico “Meridionalista”, a parte il meraviglioso richiamo alla nostra Mediterraneità piuttosto che al meridionale inteso come chi vive al sud dell’Italia, è semplicemente il tentativo di espandere a tutti i paesi del Mediterraneo, intesi in questo caso come chi vive a sud dell’Europa, il concetto che sta alla base del meridionalismo politico: liberarsi dalla colonizzazione, dello Stato italiano per il il meridione; dall’Europa per il Mediterraneo.
Ma più semplicemente e meno ambiziosamente posso dire che siamo ad un Meridionalismo oramai adolescente che inizia ad uscire da casa grazie al web per cercare nuovi amici. Io stesso l’ho incontrato perchè ero in cerca di risposte che, dopo una vicenda lavorativa legata ad una mia attività commerciale, non riuscivo a darmi e non mi capacitavo fino a quando non ho incontrato il meridionalismo che dovrebbe essere la casa politica di ogni meridionale, ovunque questi si trovi. Io vivo a Brescia.

2) Una risposta ai tanti meridionalisti che videro in U.M. l’espressione politica di Aprile, Pino Aprile farà secondo lei politica?

Dopo il risveglio emozionale dato da Pino Aprile con i suoi libri e il successivo consolidamento razionale emerso dai dati divulgati da Marco Esposito, la miscela esplosiva emozione+ragione non dovrebbe essere dispersa. È indubbio che Pino Aprile leader andrebbe bene a tutti e la sensazione che anche a livello di preferenze elettorali potrebbe ripetere il successo avuto con il risveglio delle coscenze non sarebbe da sottovalutare. Ma se Pino Aprile deciderà di fare o meno questo tentativo è una risposta che non so darle.

3) I vostri rapporti con DeMa dopo il suo avvicinamento al PD?

Suppongo, e ribadisco suppongo visto che non conosco quale sia il progetto futuro di Dema, che il distacco politico dai partiti nazionali non possa, o non voglia, permetterselo, preferendo rimanere, al momento, in quella “terra di mezzo” . A parer mio ritengo che meridionalista significa affrancarsi dai partiti nazionali, non farlo non significa non essere un buon politico nazionale, “semplicemente” non corrisponde alla definizione meridionalista.

4) Secondo un progetto che sta preparando il Senatore Quagliariello con movimenti meridionalisti si vuole consultare la popolazione con un referendum per istituire la macroregione? Che ne pensa?

Quagliariello ha sostenuto che l’obiettivo della neonata formazione parlamentare IDeA (Identità e Azione) consiste in una proficua collaborazione parlamentare (assieme a Lega Nord, Forza Italia ed altre forze minori di centro-destra) nell’opposizione al governo Gentiloni e nella composizione di un’ampia e coesa coalizione di centro-destra in vista delle elezioni politiche del 2018. Adesso a parte la mia completa chiusura con tutto ciò che implichi contatti con la Lega nord, ripeto vivo a Brescia e li conosco meglio di chi oggi nel sud ne vede una possibile alternativa.
Il mio giudizio sui partiti nazionali non è una chiusura cieca e irrazionale ma l’oggettiva constatazione che la forbice economica nazionale, quando non giustifica, non permette ad un partito nazionale di agire diversamente dal mantenere lo status quo, e questo prevarica le buone intenzioni di singoli individui presenti in ogni realtà politica nazionale. Siamo noi meridionalisti che notiamo l’ingiustizia nel mantenere questo status quo, per il “bene nazionale” una autostrada nelle regioni economicamente più avanzate risulta più vantaggiosa che sulla costa ionica calabrese.

Il 6 agosto 2015 è stato inaugurato il nuovo canale di Suez: il canale che collega il Mar Rosso e il Mediterraneo è stato “raddoppiato”, nel senso che è stato ampliato e approfondito.

I lavori effettuati sono stati in grado di incrementare la convenienza di passaggio attraverso Suez, soprattutto per le rotte asiatiche dirette verso la costa occidentale degli Stati Uniti, precedentemente vincolate al passaggio dell’intero Pacifico e poi attraverso Panama. Il raddoppio del canale di Suez, quindi, non rappresenta semplicemente un’opportunità per l’economia egiziana, ma è una vera e propria svolta per tutto il Mediterraneo, che torna ad essere il centro delle rotte commerciali intercontinentali.

Nel terzo millennio, dove il costo dei trasporti è proporzionale al tempo impiegato, è necessario che ad ogni porto commerciale sia collegato un sistema di strutture che permettano di caricare e scaricare la maggior quantità di container possibile, sul medesimo mezzo di trasporto: ciò che rende più appetibile un porto rispetto ad un altro, quindi, non è semplicemente la fortunata condizione di vicinanza alle rotte principali, ma un ruolo fondamentale è giocato dalle attrezzature di cui dispone il territorio e dalle reti ferroviarie che permettano alle merci di essere trasportate con il minor dispendio di tempo ed energie.

Da qui la necessità di creare le condizioni per il transito di treni porta container da 750 metri in su per il porti di Gioia Tauro. Poi gentiloni va in Cina e consiglia agli investitori cinesi di approdare, per la nuova rotta della via della seta, nei porti di Genova e Trieste, quei dannati sassi che impediscono a Delrio di progettare infrastrutture anche nel Mezzogiorno, non sono stati ancora tolti

Nel sud ci sono i figli considerati spuri da questa nazione, e per i figli spuri non è previsto alcun futuro dignitoso se a gestirlo saranno coloro che della Questione Meridionale ne sono stati la causa.

Questa lunga premessa per dire che non credo ad un progetto di macroregione del sud a guida nazionale.

 

Pubblicata sul Roma di Giovedì 7 Dicembre

La scuola: il tempo pieno, l’infanzia, le mancanze e dintorni

Share Button

Negli anni le varie riforme scolastiche hanno portato ad enfatizzare le differenze geografiche delle offerte formative del nostro Paese.
Il nord e il sud d’Italia, vivono storicamente (da circa 150 anni ormai.. ) disomogeneità nelle strutture nei fondi, nella gestione generale del reclutamento, nella distribuzione delle risorse.

A numeri quasi uguali di alunni per classe , l’Emila Romagna nell’anno scolastico 2015/2016 per esempio, ha avuto il doppio delle assunzioni di docenti per scuola primaria ed infanzia rispetto alla regione Puglia; una disparità che si ripercuote sui bambini e sulla didattica.

L’intervento del fondo finanziario dello Stato prevedendo la partecipazione economica delle famiglie ai servizi educativi nelle scuole dell’infanzia ( articolo 9 della legge 107) non fa altro che dire che lo sforzo del governo è limitato poiché confortato dal contributo familiare.

In parole molto semplici la costituzione deli poli dell’infanzia come previsto dalla legge de La buona scuola, è da destinarsi alle responsabilità di comuni e regioni.

Il 95% dei bambini della fascia compresa tra 3-6 anni frequenta la scuola dell’infanzia: ottimo motivo per renderla obbligatoria, poichè questo ne garantirebbe la frequenza e la continuità.

Il ministro Valeria Fedeli, per potenziare il sistema d’istruzione dell’infanzia, ha ripartito i fondi destinati a migliorare i servizi offerti per 3 milioni di bambini distribuendo 90 euro pro capite per i bambini dell’Emilia Romagna contro i 43 euro pro capite per i bambini della regione Campania.

Tutto questo senza la minima considerazione dei dati statistici circa la frequenza della scuola nelle rispettive regioni. Infatti la regione Campania vanta il secondo posto per numero di piccoli che frequentano ma si classifica solo settima per risorse assegnate.

Gli articoli 6 e 7 del decreto 65 dell’aprile 2017 sostengono che l’esigenza dei nidi, dei micronidi e della creazione di poli dell’infanzia deriva dalla necessità di rendere omogenea a livello nazionale l’offerta formativa visto che il Paese pecca proprio sul tema dei servizi che da sempre ha una regolamentazione regionale.

Tuttavia mentre il governo sostiene la necessità di un sistema integrato a livello nazionale e dichiara di ovviare al problema gestionale di domanda individuale e di gestione privata demanda esattamente ed in egual misura alle regioni e ai comuni come avvenuto fino ad oggi.

Una contraddizione di fondo avvalorata dall’approvazione di quei 209 milioni stanziati appunto con una distribuzione iniqua delle risorse.
E’ evidente che tutto ciò rappresenta una violazione dei diritti dell’infanzia e dei principi di uguaglianza e di rispetto dei percorsi di crescita delle bambine e dei bambini di tutto il Paese.
Una distribuzione disomogenea delle risorse contribuisce alla mancanza di soluzioni contro l’abbandono e la dispersione scolastica. Già il sud soffre di una vera e propria desertificazione scolastica dovuta sia ad un calo demografico, sia all’aumento dell’emigrazione delle famiglie verso il nord, ma anche alla razionalizzazione delle classi voluta già dalla legge Gelmini che comporta il più delle volte condizioni di lavoro in classi pollaio e mancanza di spazio geografico necessario per la normale e serena vita scolastica di un bambino sia nelle scuole dell’infanzia che della primaria. E’ noto infatti che molte province del sud si ritrovano con scuole di poche sezioni densamente popolate a dispetto di scuole del nord nelle quali le sezioni non superano le 20 unità. Immaginate classi di 25/28 bambini , magari con qualche soggetto bes : non è più una classe ma una ludoteca difficile da gestire, un posto in cui non si sta garantendo il diritto all’istruzione ma si sta scimmiottando un servizio.
E la scuola è una istituzione non un servizio. Favorire e garantire una frequenza seria a tutti i bambini del sud non lo si fa gettandoli nella mischia senza criterio e senza rispetto ma fornendogli gli spazi educativi e ludici che meritano. E come si può farlo se per esempio ci sono quartieri interi in alcune città meridionali in cui non esistono proprio le scuole per interi chilometri?
Si stanziano circa 400 milioni per la ristrutturazione di edifici, per la messa in sicurezza secondo le norme antisismiche, per la riqualificazione estetica e poi mancano le basi su cui dovrebbe poggiarsi l’intero progetto. Mancano purtroppo anche i diritti di base che garantiscono la risposta ai problemi di sussistenza. In alcune regioni del sud Italia la povertà minorile è in costante aumento. Un dovere della scuola e dei comuni sarebbe quello di investire sul servizio di mensa scolastica in tutti gli istituti comprensivi al fine di assicurare un pasto proteico al giorno a circa il 5 % ( dati statistici riportati da una ricerca di Save the Children) dei bambini in età scolare che non hanno diversamente possibilità di consumarlo in almeno 4 regioni ( Puglia, Sicilia, Molise e Campania ). In questo caso la scuola attraverso un servizio si farebbe vettore di una funzione sociale e di lotta all’indigenza estremamente importante.
E i dati ufficiali in merito al servizio di mensa non sono confortanti. Il 48% degli studenti delle scuole primarie e secondarie non ha accesso alla mensa e questa percentuale si riferisce alle province da Roma in giù. Non offrire il servizio mensa può quindi voler dire da un lato contribuire al permanere di quello stato di indigenza e dall’altro “favorire” il fenomeno della dispersione scolastica che trascina con sé la conseguenza di esposizione ai pericoli nelle aree a rischio.
Ragion per cui, l’obbligo di mensa porterebbe all’obbligo del tempo pieno e prolungato che altro non è che un diritto di offerta didattica pomeridiana già largamente sperimentato e in uso nella maggior parte delle regioni del centro e del nord del Paese.
Il tempo pieno al sud è una esigenza delle famiglie non solo a basso reddito o a rischio di povertà, ma anche di quelle dei lavoratori e di professionisti che vedono in questo modello didattico una risorsa educativa per i propri figli. Il problema è che al momento questa necessità al sud viene soddisfatta dalle scuole paritarie con un dispendio economico maggiore rispetto alle regioni del nord dove paradossalmente i fondi stanziati sono maggiori e dove la ricchezza su base reddituale è notevole. Si finisce per dare dove già c’è togliendo a chi non ha di per sé; una sorta di Robin Hood al contrario.
Il mancato investimento da parte dello Stato alle regioni del sud comporta un duplice effetto negativo: quello dei docenti costretti ad emigrare al nord, garantendo un servizio che altrimenti non potrebbe sussistere, quello di un intero indotto lavorativo totalmente azzerato al sud.
Perciò il tempo pieno se è una grave mancanza è dall’altro lato una prospettiva a più rami: offerta didattica ampliata a tutti i ragazzi, opportunità di lavoro per i docenti meridionali che non sarebbero così obbligati a spostarsi, ripopolazione di interi quartieri di paesi semidesertificati dal flusso migratorio, costituzione di nuove dinamiche sociali frutto della rinascita dei comuni meridionali, nascita di servizi offerti non solo alla scuola ma ad altre categorie( il tempo pieno con la necessità della mensa significa cooperative specializzate nel settore della ristorazione con la conseguente assunzione di cuochi, inservienti, mezzi di trasporto..).
Lì dove il servizio mensa diventa una questione problematica per redditi bassi, allo stato attuale in alcune scuole del sud diventa motivo di intervento dei comuni e degli enti locali a provvedere al necessario per la sussistenza al fine di garantire uguali opportunità nello stesso contesto classe.

Ma l’intervento dello Stato è completamente assente, perciò sarebbe opportuno , per un volta, prevedere un fondo di dotazione esclusivamente riservato per il sud come sistema completo di welfare e laddove vi sia l’impossibiltà di reperire i fondi ( cosa comune), si potrebbe pensare, almeno in via transitoria, all’utilizzo di mezzi alternativi senza troppi oneri finanziari aggiuntivi ai comuni o alle famiglie. Si può prospettare ad esempio la flessibilità di ingresso a scuola dopo aver consumato il proprio pasto a casa ( pur non essendo questo il miglior sistema) come avviene già in molte scuole del settentrione; oppure lasciare come alternativa la possibilità ai bambini di poter tranquillamente consumare un pasto portato da casa come il panino o un pasto freddo. Questo assicurerebbe la frequenza di tutti i bambini e ragazzi .
Come nei problemi di matematica a scuola, la soluzione di solito è suggerita dalle domande ( ..”quante sono in tutto”: addizione; “..quale sarà la differenza tra A e B “: sottrazione) anche nella vita reale è lo stesso impedimento che ti dice quale strada intraprendere. Il problema attuale è la mancanza di uguali opportunità? Bene: offriamole!
Si tratta di riconoscere che c’è una necessità che va espletata, una occasione che non si può perdere prima che la situazione abbia gravi risvolti in chiave sociale ed economica oltre che di istruzione e di crescita della persona.
Riconoscere significa ammettere delle mancanze, prendere atto che esiste una differenza , rendersi consci che è necessario pretendere che vengano riconosciuti dei diritti. Del resto se sono diritti non bisogna elemosinarli poiché sono qualcosa che nascono con l’individuo stesso che li reclama.
Si può risolvere non solo con la volontà politica ma con la presa di coscienza quindi che esiste un diritto di educazione, di istruzione, di crescita e di sviluppo che va semplicemente garantito.

Analisi delle differenze e mancanze della scuola del sud
Relazione programmatica delle eventuali soluzioni sociali e politiche

Favale Luigina, responsabile ufficio stampa “la scuola invisibile”

RELAZIONE SULLO STATO DELLA SCUOLA AL PRIMO DICEMBRE 2017. PARLANO GLI INVISIBILI.

Share Button

RELAZIONE DI GIUSEPPE DE CICCO

FONDATORE DE “LA SCUOLA INVISIBILE”.

IL TRANSITORIO

Il 31 maggio 2017 entra in vigore il Decreto legislativo 59/17 relativo alla formazione iniziale e al reclutamento dei docenti della scuola secondaria.
A quanto stabilito dal su detto decreto, hanno fatto seguito una serie di decreti ministeriali, con lo scopo di dare attuazione pratica a quanto già fissato nel decreto stesso.
Dal transitorio, restano escluse la scuola primaria e quella dell’nfanzia.
Facciamo un passo indietro: questa legge è il frutto del solito compromesso tra istanze diverse, compromesso che magari all’epoca ( parliamo di pochi mesi fa ), per certi versi ( ma non tanti ), poteva anche essere condivisibile, ma che ora risulta già superato dagli eventi.
La richiesta iniziale dei docenti e delle associazioni e sindacati che li rappresentano, era quella di una graduatoria a scorrimento, sulla falsariga delle Gae.
Sul punto, la chiusura del Governo è parsa subito chiara: le gae, almeno per la scuola secondaria, rappresentano un capitolo chiuso.
Nella realtà, si è visto come questo presupposto, ancora una volta, potrebbe risultare del tutto inesatto ed infondato: le sentenze a favore degli itp ed afam hanno già provveduto a rimescolare, almeno parzialmente, le carte.
Sono infatti recenti le ordinanze che inseriscono in seconda fascia, anche se con riserva, itp e afam, e sembra vi siano anche provvedimenti favorevoli al loro inserimento in gae.
Tutto questo, chiaramente, non ha fatto altro che creare altri disordini nella scuola e malcontenti tra i docenti: segreterie scolastiche, usp e usr costretti a correggere ed integrare graduatorie, e conseguenti variazioni nelle nomine dei docenti ( i nuovi inserimenti in seconda fascia hanno in pratica sconvolto le nomine da graduatoria incrociata per il sostegno ).
A scusante del governo, non si può nemmeno dire che sia stata la prima volta che sia capitata una cosa del genere: c’era già stato il precedente dei diplomati magistrale, che avrebbe dovuto consigliare una condotta ben diversa.
Ma andiamo con ordine: il dlgs 59/17 che avrebbe avuto un fine di “riordino, adeguamento e semplificazione del sistema di formazione iniziale e di accesso nei ruoli di docente nella scuola secondaria per renderlo funzionale alla valorizzazione sociale e culturale della professione”, rischia invece di divenire per la scuola l’ennesima fonte di disordine ed ingiustizia sociale.
Cerchiamo di spiegarne i motivi: questi nuovi ingressi in seconda fascia di istituto, o addirittura in gae, se confermati nel merito, porranno il problema di una nuova platea di abilitati che andranno inseriti nel transitorio in una maniera diversa rispetto a quanto inizialmente previsti.
Ipt ed afam andranno assunti dalle gae, senza concorso, e tenendo conto del punteggio, e per giunta da una graduatoria provinciale e non regionale.
Un destino diverso invece, toccherà a chi rimane in seconda fascia d’istituto o addirittura in terza.
Ancora una volta, sentenze giudiziali sconvolgeranno la scuola, creeranno malcontento e disordine, finendo per minare ancora le fondamenta del sistema scolastico intero.
Chiaramente, si potrebbe obiettare che itp ed afam sono stati inseriti in gae o in seconda fascia di istituto successivamente all’emanazione del dlgs in questione: questo porterà a nuove cause, nuovi ricorsi e nuovi contenziosi non solo giudiziari, con tutte le conseguenze del caso.
Riguardo a come verranno assunti i nuovi docenti secondo quanto stabilito dalla normativa in questione preferiamo stendere un velo: va solo ricordato che ogni volta che viene riformato o ritoccato un meccanismo di assunzione, l’aspirante docente deve versare un obolo ( i 24 cfu ), o sottostare a un meccanismo di reclutamento sempre peggiore ( modalità e durata del tirocinio ).
Ci tocca un breve accenno anche alla ormai quasi decennale questione del riconoscimento delle abilitazioni all’estero: se il Miur le ritiene una scappatoia, un imbroglio, allora provveda a respingere le istanze di riconoscimento, altrimenti le accolga: inutile tenere in seconda fascia con riserva per anni docenti che hanno fatto un percorso, o, addirittura tenerli fermi in terza fascia senza prenderlo in alcuna considerazione.
Anche qui è solo una questione di giustizia: ho diritto ad una risposta dallo Stato in tempi brevi, soprattutto se il fatto di essere in seconda fascia di istituto o in terza mi cambia radicalmente le modalità di assunzione.

LA QUESTIONE DEI DM ANTE 92

La ciliegina sulla torta del transitorio è l’esclusione dei diplomati magistrale, quindi della primaria e dell’infanzia, dalle nuove forme di reclutamento: la motivazione fornita è squisitamente giuridica, visto che sul tema è attesa a giorni la pronuncia della Plenaria.
Per noi è l’ennesima prova della volontà della politica di non intervenire là dove invece il suo intervento sarebbe necessario: se si fosse agito diversamente, si sarebbero evitate ulteriori polemiche ed ulteriori discussioni.
Non è questo il luogo in cui darsi ad un excursus storico dei diplomati magistrale, noi vorremmo solo porre un quesito: invece di attendere la Plenaria, che, se positiva, comporterà comunque l’esigenza di un intervento politico e normativo, non si poteva cogliere l’attimo per un riordino del sistema di reclutamento anche per la primaria e l’infanzia, magari stabilendo gli stessi principi?
In sintesi, non si poteva nella stessa sede stabilire una differenziazione tra chi, in possesso del diploma magistrale ante 92, aveva maturato vari anni di servizio, o aveva addirittura vinto qualche concorso e chi invece si trovava in una condizione diversa?
Anche in questo caso la politica ha preferito ancora eclissarsi, con conseguenze ancora più aberranti per la scuola dell’infanzia, che dal piano assunzionale previsto dalla Buona Scuola è rimasta addirittura esclusa!
Le gae infanzia infatti sono ancora piene, al nord come al sud,e, a differenza di quelle della primaria, non perché sono state riempite da ricorrenti che inizialmente ne erano esclusi, ma perché i precari storici, i vincitori del concorso del 1999, aspettano ancora un’assunzione, e questo, dopo averli cancellati dalla graduatoria di merito e averli privati della possibilità di un’assunzione attraverso il sistema del doppio canale.
Signori: si parla di una procedura concorsuale espletata ormai quasi vent’anni fa!
Tutto questo, mentre per i vincitori del concorso 2012 è stata prevista l’assunzione anche degli idonei.
Mah, che dire?
Ma andiamo avanti.

I NUOVI CONCORSI

Con le gae ancora colme per primaria e infanzia ( per le quali non è prevista una nuova fase concorsuale, stranamente ), il transitorio prevede una nuova procedura di assunzione per la scuola media di primo e secondo grado.
E’ vero che per molte classi di concorso le gae delle superiori risultano esaurite o quasi, e per alcune addirittura vuote, e che molte cattedre risultano vacanti, ma è anche vero che, se la legge prevede che le assunzioni previste per il settore pubblico vadano fatte per concorso ( ma si tacciono sempre i limiti e le eccezioni previste dalla legge stessa ), è altresì vero che la Costituzione ci dice che la nostra repubblica è fondata sul lavoro.
Perché non bilanciare i due principi ed evitare inutili spese, sprechi e perdite di tempo?
Perché sovrapporre graduatorie di merito, provinciali e regionali?
Badate bene: in molte regioni del sud, i vincitori del concorso 2016 per infanzia e primaria aspettano ancora di essere assunti e non sanno quando lo saranno, e quelli per la media di primo e secondo grado lo sono stati da poco e non in tutte le regioni.
In conclusione, stiamo facendo di tutto per portare la scuola pubblica al collasso, sovrapponendo riforme a riforme, aggiungendo nuovi meccanismi di assunzione ad altri che non hanno ancora compiuto il loro percorso.
Le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti.

L’ITALIA E L’EUROPA

Per anni ci è stato rifilato che era l’Europa che lo voleva ( cosa, non l’abbiamo capito )!
Ora, noi siamo convinti che di tutto questo pastrocchio l’Europa non sappia nulla: se sapesse che sono stati indetti ben due concorsi e che se ne bandirà un altro e che i vincitori di un altro concorso, espletato vent’anni fa, attendono ancora di essere assunti, supponiamo che ci irrogherebbe una sanzione ben sostanziosa!
Se sapesse che i precari della Pubblica Amministrazione verranno stabilizzati, mentre docenti precari da più di un decennio dovranno espletare o attendere l’ennesimo concorso, crediamo che si farebbe due risate.
Se sapesse come e quanto verrà adeguato il contratto dei docenti italiani, siamo convinti che ci escluderebbe dal novero delle nazioni civili.
Se sapesse come viene utilizzato il mercato delle assegnazioni provvisorie ( per far rientrare a casa docenti “ deportati “ per un anno, mentre altri lo restano per decenni a graduatorie bloccate ), immaginiamo ci relegherebbero in eterno nell’ultimo dei gironi dell’inferno dantesco.
Se sapessero che la scuola pubblica italiana viene usata per tenere il personale scolastico “l’un contro l’altro armati”, siamo dell’idea che ci avrebbero già commissariati.
Se questo deve essere il nostro destino, che lo sia.
Altrimenti, avviamo, per una volta un dialogo serio.
Alla politica la scelta: noi non possiamo far altro che suggerire una via d’uscita, altro non ci è permesso.

 

Quando i dati parlano di disomogeneità nazionale

Share Button
L’enorme disparità fra nord e sud alla luce delle analisi statistiche ed economiche.

di Massimo Mastruzzo
Portavoce Nazionale di MO Unione Mediterranea

Il Mezzogiorno ha un tasso di disoccupazione giovanile al 42,4%, e nonostante l’occupazione sia cresciuta di 101 mila unità, +1,7% (fonte il Sole24ore), persiste la forte disomogeneità territoriale, essendo nel Mezzogiorno il tasso d’occupazione ancora lontano oltre 20 punti dalla media europea alla quale, invece, sono vicine le regioni del Centro – Nord (47% nelle regioni meridionali, 69% Centro-Nord).

Lo Stato, conscio della sua «assenza», rispetto ad una parte della nazione, prova a mettere delle pezze usando il solito metodo degli interventi straordinari o particolari, quando la normalità prevederebbe uno sviluppo il più possibile equo lungo tutto il territorio nazionale.
Tra gli ultimi provvedimenti dedicati ai giovani del Mezzogiorno, che ringraziano per la pietosa attenzione, troviamo :
«Resto al Sud» e «Banca delle Terre incolte»
Il tentativo di dare un colpo di defibrillatore, con uno medico specializzato e dedicato come il ministro per la Coesione territoriale e per il Mezzogiorno, Claudio de Vincenti, ad un paziente in agonia .
Pur non comprendendo la necessità di dover operare con metodi straordinari, quando altrove lo si fa con quelli ordinari, come d’altronde indica (indicherebbe) l’articolo 3 della Costituzione, vediamo cosa prevedono questi due ultimi interventi:

Resto al Sud
Per “Resto al Sud” il governo ha stanziato 1,250 miliardi di euro e ne ha affidato la gestione a Invitalia.

Il programma prevede un prestito fino a 50.000 euro per ciascun giovane imprenditore, si possono mettere insieme fino a 4 giovani e quindi ottenere fino a 200.000 euro. Una parte del sostegno, pari al 35% del costo (totalmente finanziabile) consiste in un contributo a fondo perduto, la rimanente parte pari al 65% consiste in un finanziamento bancario sul quale Invitalia corrisponderà gli interessi. Ovvero un giovane a cui vengono assegnati 50.000 euro, ne riceve 15.000 a fondo perduto e 35.000 che restituirà
in otto anni a partire dal terzo anno.

Il pagamento degli interessi sarà garantito da Invitalia attraverso la Banca del Mezzogiorno. Non sono finanziabili spese di progettazione e consulenza. Il giovane, che non abbia compiuto 36 anni al 30 giugno, data di avvio della misura, inoltrerà la domanda sulla piattaforma digitale di Invitalia con la promessa di ricevere una risposta nei 60 giorni successivi dal ricevimento della proposta.

La Banca delle terre incolte
L’obiettivo è promuovere la valorizzazione e la riqualificazione dei beni non utilizzati nelle regioni del Mezzogiorno. Su queste terre potranno avere sede imprese agricole giovanili che vogliano avviare produzioni di qualità.

I terreni abbandonati (e per tali si intendono quelli sui quali non si stata esercitata l’attività agricola negli ultimi dieci anni) se di proprietà pubblica verranno affidati direttamente ai giovani, se di proprietà privata verranno presi in fitto.

La premessa di questi provvedimenti, ennesime misure straordinarie per un territorio, il Mezzogiorno, che si accontenterebbe volentieri di provvedimenti ordinari, ma tant’è che il Sud Italia non ha una condizione “ordinaria”, non sono di per sé negative, ma se rimangono come contorno di un piatto vuoto non potranno sfamare un territorio che è a digiuno da oltre un secolo e mezzo.

Nel terzo millennio le voci costi e guadagni sono proporzionali al tempo impiegato dal trasporto tra la domanda e l’offerta dei prodotti, è necessario per questo che le zone di produzione siano collegate ad una rete autostradale e soprattutto ferroviaria che permettano alle merci di essere trasportate con il minor dispendio di tempo ed energie e tutela dell’ambiente.

Ciò rende più appetibile investire in un territorio piuttosto che in un altro, la fortunata di un territorio che produce e vuole che i suoi prodotti arrivino oltre il mercato del paese, è dato dalla presenza di queste fondamentali infrastrutture.

Purtroppo, al momento, uno sconosciuto numero di non meglio identificate pietre probabilmente originarie del periodo post unitario, ha dissuaso lo Stato dal fare gli “ordinari” investimenti nel Sud e, sempre per il momento, andare oltre il mercatino del paese, risulta un tantino complicato da fare.
Il Ministro “dedicato” al Mezzogiorno, Claudio de Vincenti, avrà presente le difficoltà logistiche che deve affrontare un giovane calabrese che, ad esempio, decida di investire nella zona della costa ionica della Calabria?

 

Comunicato Petizione Terra Nostra

Share Button

In occasione delle elezioni europee di Maggio 2014, abbiamo presentato la lista civica di scopo Terra Nostra, con l’obiettivo di inoltrare una petizione al Parlamento europeo per l’istituzione di una commissione straordinaria d’inchiesta, che avesse il compito di monitorare e realizzare verifiche ed analisi sul territorio dell’Italia meridionale e della Sicilia.

Autofinanziandoci ed autorganizzandoci, grazie al contributo e alla volontà di quanti hanno creduto nel nostro progetto, abbiamo raccolto 10.500 firme: 10.500 nomi e cognomi veri, che hanno scelto di impegnarsi in prima persona per denunciare la disparità di trattamento riservata al Mezzogiorno da parte delle istituzioni in materia di ambiente, salute, lavoro, istruzione e tutela dei consumatori.

Il giorno 25 giugno 2015 una delegazione di Unione Mediterranea ha presentato alla Commissione per le Petizioni dell’Unione Europea la suddetta petizione, corredata delle firme che la Lista Civica di Scopo “Terra Nostra” aveva raccolto nella circoscrizione Italia meridionale, ai sensi dell’articolo 44 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea.

Con la petizione anche un dossier di 70 pagine, in cui si denunciavano le violazioni in vaste aree dell’Italia meridionale e della Sicilia degli articoli 1 (dignità umana), 2 (diritto alla vita), 15 (libertà professionale e diritto di lavorare), 31 (condizioni di lavoro giuste ed eque), 34 (sicurezza sociale e assistenza sociale), 35 (protezione della salute), 37 (protezione dell’ambiente) e 38 (protezione dei consumatori) della medesima Carta.

La petizione è stata solo un primo passo di una lunga serie di azioni concrete, ed oggi abbiamo un primo risultato che vogliamo condividere con chi ha creduto e lottato insieme a Unione Mediterranea.

COMUNICATO UFFICIALE
Il 17 marzo 2016 la Commissione per le Petizioni dell’Unione Europea ha dichiarato ricevibile la petizione n. 0748/2015 presentata il 25 giugno 2015 a Bruxelles da una delegazione di Unione Mediterranea in rappresentanza della lista “Terra Nostra”, che in occasione delle elezioni europee del 25 maggio 2014 aveva raccolto circa 10.500 firme nelle regioni della circoscrizione Italia Meridionale, presentate a corredo della petizione stessa. La Presidente della Commissione, on. Cecilia Wikström, con lettera del 17/03/2016 protocollo D305560, ha inviato la petizione all’allora Presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz, nella speranza che “possa essere usata come contributo alla vostra attività”.

Anche se l’accoglimento delle richieste dipende ora dal Presidente del Parlamento Europeo, che dovrebbe porle all’attenzione dell’agenda dei lavori del Parlamento stesso, quanto ottenuto dalla Commissione Petizioni costituisce comunque un fatto di rilevanza storica per il Sud Italia, senza precedenti, in quanto rappresenta un riconoscimento ufficiale di come lo Stato Italiano tratta le regioni meridionali.

Nella petizione si denunciano le violazioni in vaste aree dell’Italia meridionale e della Sicilia degli articoli 1 (dignità umana), 2 (diritto alla vita), 15 (libertà professionale e diritto di lavorare), 31 (condizioni di lavoro giuste ed eque), 34 (sicurezza sociale e assistenza sociale), 35 (protezione della salute), 37 (protezione dell’ambiente) e 38 (protezione dei consumatori), proponendo al Parlamento Europeo l’istituzione di una Commissione speciale della durata di anni tre denominata “Dignità, vita, lavoro, sicurezza, salute, ambiente e protezione dei consumatori in tutti i territori dell’Unione europea”. In particolare la Commissione dovrebbe avere il compito di:
– analizzare e valutare nell’intera area dell’Unione europea, a partire dall’Italia meridionale e dalla Sicilia, l’entità del fenomeno dell’avvelenamento dei territori da interramento dei rifiuti, affondamento di navi e altre forme di devastazione ambientale, con particolare attenzione alla qualità delle acque, dei cibi, dell’aria;
– valutare proposte per circoscrivere le aree contaminate e procedere alle bonifiche; promuovere una certificazione dei prodotti nell’interesse primario della salute dei consumatori e della tutela delle attività imprenditoriali;
– verificare il corretto utilizzo dei fondi pubblici e in particolare dei finanziamenti dell’Unione Europea;
– proporre misure adeguate che consentano all’Unione di prevenire e contrastare tali minacce, a livello internazionale, europeo e nazionale.

Nella petizione si mette in evidenza come “il popolo dell’Italia del sud vive da 154 anni una situazione di colonia interna che ha origine dall’annessione del Regno delle Due Sicilie al Regno di Sardegna nel 1861”, descrivendo brevemente i passaggi storici di tale colonizzazione, avvenuta anche con l’uso indiscriminato delle armi da parte dell’esercito Sabaudo.

È poi riportata una serie di dati dettagliati e tabelle (tra cui un estratto del drammatico rapporto SVIMEZ 2014) che arriva fino ad oggi, relativa alla situazione economica ed infrastrutturale del Sud Italia, in cui si dimostra la disparità di trattamento tra il Meridione ed il resto della penisola. Un ampio capitolo è dedicato all’inquinamento dei territori meridionali ad opera di aziende settentrionali ed europee senza scrupoli, con le ormai acclarate complicità di organi dello Stato, ed alle trivellazioni indiscriminate autorizzate dai vari governi italiani, che stanno distruggendo la possibilità di vivere in alcune zone del Paese come la Val D’Agri, e che in un futuro non lontano potrebbero minacciare la balneabilità delle nostre coste. La petizione, consistente in 71 cartelle, si conclude con altre richieste, oltre a quella di istituire una Commissione speciale: istituire una giornata alla memoria che possa restituire la dignità ad una parte della popolazione italiana che ha fortemente contribuito, obtorto collo, all’unificazione nazionale; ripartire i mezzi finanziari statali ed europei in maniera commisurata alla percentuale rappresentata dalla popolazione del Sud d’Italia rispetto alla totalità della popolazione italiana, cosa che oggi, con vari trucchi creati ad arte dai governi italiani e descritti nella petizione, non viene fatta; richiesta di un’audizione dei redattori della petizione di fronte al Parlamento Europeo per presentare in dettaglio la situazione dei nostri territori. Abbiamo cercato negli ultimi mesi di ottenere quanto richiesto, sollecitando in tal senso l’attuale Presidente Antonio Tajani, ma solo l’azione congiunta degli eurodeputati meridionali potrebbe portare ad ottenere qualche risultato pratico. Dubitiamo che questo possa accadere considerato il comportamento dei nostri rappresentanti politici, sia a Bruxelles che a Roma, propensi più agli interessi personali e di partito che a quelli generali delle popolazioni meridionali. Ma continueremo la nostra lotta per rendere giustizia a quanti hanno dovuto lasciare la propria terra e per evitare che i nostri giovani continuino a farlo.
Un ringraziamento particolare va a tutti quelli che hanno firmato e redatto la petizione.

Comitato Coordinamento Nazionale
MO Unione Mediterranea

Clicca qui per scaricare l’intera petizione in formato PDF

Dimissioni del segretario Pierluigi Peperoni

Share Button

Il segretario di MO Unione Mediterranea Pierluigi Peperoni ha comunicato le sue dimissioni: “Problemi di carattere personale che non consentono più di dedicare tutte le dovute forze ed energie al movimento stesso.”
Peperoni ha ringraziato tutti per la collaborazione.

Siamo noi a ringraziare Pierluigi per il lavoro intenso svolto in questo anno e per l’impulso dato al movimento in vista dei prossimi impegni.

L’attività di Unione Mediterranea per il riscatto della nostra terra non subirà battute d’arresto e decisioni in merito alla sostituzione pro tempore sono state già prese dal coordinamento nazionale.

Il Presidente di MO Unione Mediterranea, Francesco Tassone, è stato scelto come figura di garanzia, esperienza e saggezza per traghettare il movimento fino al prossimo congresso.

Lettera agli elettori del sud

Share Button

di Massimo Mastruzzo
Portavoce Nazionale di MO Unione Mediterranea

Questa volta non risponderò alle provocazioni del quotidiano Libero, questa volta ne prenderò spunto per scrivere una lettera agli elettori del sud che votano i partiti nazionali.
Vedete, cari elettori del Sud, questa prima pagina di Libero, pur nella sua solita ed evidente stupida provocazione, nasconde nemmeno tanto velatamente, il reale pensiero del pregiudizio nazionale avallato dai partiti nazionali… tutti.
In questo caso specifico, essendo Libero un quotidiano che “tende” a destra, rappresenta il pensiero della destra nazionale: il trio BE.SA.ME (Berlusconi-Salvini-Meloni) che si candida a salvare il Sud. Ancora ? Ma quante cavolo di volte dobbiamo sorbirci questi salvatori che giungono a noi da terre lontane.

Ma proviamo, cari elettori del Sud, a fare un ragionamento: vi sembra normale che in una nazione unita, con una Costituzione che
All’articolo 3 recita:
Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione , di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.
E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.
Si senta la necessità di nominare un Ministro per il Mezzogiorno?
Non sarà che, come il ricco che lascia la questua al povero, si senta il bisogno di farlo con quella parte di territorio che NON ha pari dignità sociale e, come ci spiega Marco Esposito che ha già dato una risposta tecnica all’articolo di Libero:” la “rapina” di cui ci saremmo macchiati noi meridionali?” Non è altro ” Che dal 2018 gli stanziamenti dei ministeri dovranno seguire la regola di 66% al Centronord e di 34% al Sud. Perché queste percentuali? Semplice: gli abitanti risiedono per il 66% al Centronord e per il 34% al Sud.

Ma per Feltri, per i suoi lettori e anche per tanti politici del Nord e del Sud che sono leghisti senza ammetterlo, è orripilante che i meridionali siano trattati in modo uguale.

La regola, che scatta il primo gennaio 2018, non vale per gli investimenti delle Ferrovie, delle Poste, delle aziende pubbliche e per quelli degli enti locali.

E’ solo un parziale riequilibrio, insomma. Ma per chi è abituato a prendere la torta tutta per sé appare già una rapina.”

E quando (quando?) si comprenderà che bisogna annullare la disomogeneità nazionale, unica in Europa, per quanto riguarda le infrastrutture non comprese in questa regola che scatterà nel 2018, pensiamo solo alla rete ferroviaria, di cosa ci accuseranno?

Eppure per l’alta velocità, fatta nel nord, hanno preso volentieri anche i contributi dei contribuenti del Sud.

La cosa strana è che ci accusano da sempre (dove sempre vuol dire da dopo l’unità d’Italia) di rubare, ma nonostante siano stati depredati in tutti questi anni si sono comunque arricchiti, loro non certo noi. Quando la strana fantasia supera la concreta realtà succede che:

  • Il sud ruba ed altrove fanno il Mose
  • Il sud spreca e da un’altra parte fanno l’Expo
  • Il sud sperpera ed in altri luoghi fanno la TAV

Sarà forse che siamo dei ladroni incalliti ma non abbiamo voglia lavorare? Così almeno si dice a certe latitudini padane.

Come spiegare in questo caso che su 10 milioni di abitanti presenti in Lombardia, circa la metà sono del sud? Stai a vedere che si sono volontariamente trasferite per godere del salubre clima padano, non certo per lavorare contribuendo a creare quel surplus di reddito che Maroni e Zaia oggi rivendicano di voler trattenere.
Miei cari elettori del Sud dei partiti nazionali, vi potrei anche annoiare dicendovi che anche voi contribuite a quella ricchezza del nord che poi vi volete rubare, osservate per un giorno tutte le vostre spese, dal supermercato, all’abbigliamento, dalle bollette, all’automobile, osservate tutti questi prodotti e guardate dove inviate i vostri soldi, quelli che poi vi ruberete.

Miei cari elettori meridionali, dati Svimez ci ricordano che il sud sta demograficamente morendo e questi continuano con la solita solfa del sud che ruba.
Lasciate perdere i partiti nazionali, non ci daranno mai il dovuto, ne il tolto 156 anni fa.
Bisogna far emergere realtà meridionaliste come Unione Mediterranea, che puntino esclusivamente al riscatto del nostro territorio.

Parola d’ordine: non conta che siano unitari gli strumenti, basta che lo siano gli obiettivi!

Share Button

Cinque anni fa, a Napoli, si è ritrovato il Sud che non si arrende. Le parole d’ordine che furono pronunciate allora – e che sono ancora valide, naturalmente – auspicavano la costituzione di un soggetto unitario, dalla voce forte e chiara che proponesse le istanze politiche del “Mezzogiorno”.

Si è compreso fin da subito che il processo avrebbe dovuto procedere sul binario dell’identità. Identità composta da una Memoria recuperata e da uno sguardo attuale. Un binario vero e proprio; due linee maestre che avrebbero condotto alla stessa destinazione.

L’attualità stretta legata alle mille istanze quotidiane e future. Il ricordo della Patria avita posto a loro basamento. Ed il ricordo è stato recuperato grazie al lavoro di moltissimi – cito Pino Aprile come capofila, ma si parla di una schiera di appassionati patrioti -, con risultati sorprendenti: abbiamo visto, infatti, quanto questa operazione di disseppellimento della nostra memoria crei dibattito e fastidio ai nostri colonizzatori ed ai partiti nazionali, veri e propri strumenti di asservimento.

A questa enorme mole di lavoro si aggiunge il contributo di illustri personaggi – fra i tanti: Marco Esposito – che denunciano quotidianamente la sperequazione. E proprio attraverso questo sguardo attuale si può notare quanto in cinque anni il solco si sia fatto – se possibile -, ancora più netto. Esempio lampante (ma non unico) ne è l’attuazione di un federalismo fiscale che taglia le gambe al Mezzogiorno attuando il principio aberrante secondo cui “meno hai, ancor meno avrai”.

E cos’altro abbiamo visto in questi cinque anni?

Abbiamo principalmente visto che la frammentazione è uno degli elementi caratteristici del mondo meridionalista ed è vista come uno dei suoi maggiori limiti se non, addirittura, l’ostacolo maggiore ad un successo più consistente della causa.

Quale insegnamento dobbiamo cogliere da questo? In che modo volgere un possibile limite in un probabile successo?

Non conta che siano unitari gli strumenti, basta che lo siano gli obiettivi. Abbiamo compreso che il meridionalismo non è un pensiero unico e non può esserlo, ma non dobbiamo vedere un limite in questa “diversità” bensì cogliere l’opportunità di raggiungere ambienti e persone con sensibilità differenti, comprendendo che si può concretizzare un percorso costruttivo solo se la diversità non è vissuta in termini di rivalità.

Questa la chiave che deve essere utilizzata per proporsi sulla scena politica.

In questi cinque anni abbiamo dunque commesso errori? SI, ovvio!

Le nostre, eventuali, colpe sono più gravi dei danni subiti dalla storica Questione Meridionale? NO.

Allora come interpretare lo stato attuale?

L’esempio più banale che mi viene in mente è quello di una bottiglia di olio, il nostro olio d’oliva, che abbiamo provato a riempire ma ci è scivolata di mano rompendosi…

La bottiglia, l’olio non si è perso, si è sparso, forse troppo diffusamente, ma si è sparso ed ha macchiato l’anima di altri meridionalisti oltre che dei meridionali fuori dai Territori Storici.

Cosa fare? Semplicemente provare a riempire nuovamente la bottiglia facendo più attenzione a che non ci scivoli ancora dalle mani. L’olio d’oliva è cosa preziosa.
Mai abbandonare la speranza! Speranza che si può trarre anche da piccoli segnali: domenica 19 novembre il circolo territoriale “Ulisse”, che vive la diaspora Lombarda di Unione Mediterranea, ha organizzato un evento per la presentazione de “Il grande libro del Regno delle Due Sicilie”. Vedere la sala riempita di persone attratte dalla Verità Storica e dal rinato orgoglio d’appartenenza alle origini ci può far capire che abbiamo rotto una bottiglia, ma abbiamo prodotto tanto olio da poterne riempire più di una. E poco importa quanto sia difficile operare “all’estero”. Le bottiglie le riempiremo goccia a goccia!

Massimo Mastruzzo,  Portavoce nazionale di Unione Mediterranea

 

La capitale morale: con il culo degli altri

Share Button

Veni, vidi, tacui (cit. Donald Herron) la frase perfetta per descrivere il “sistema” dell’azienda di trasporto lombarda.

Ma procediamo  per punti,  15 novembre 2017 viene dato il via libera definitivo dell’Aula della Camera alla legge sul Whistleblowing. Il testo sulla segnalazione di attività illecite nell’amministrazione pubblica o in aziende private da parte del dipendente che ne venga a conoscenza, integra la normativa sulla tutela dei lavoratori del settore pubblico che segnalino illeciti e introduce forme di tutela anche per i lavoratori del settore privato.

La locuzione Whistleblower identifica un individuo che denuncia pubblicamente o riferisca alle autorità attività illecite o fraudolente all’interno del governo, di un’organizzazione pubblica o privata o di un’azienda. Le rivelazioni o denunce, possono essere di varia natura: violazione di una legge o regolamento, minaccia di un interesse pubblico come in caso di corruzione e frode, gravi e specifiche situazioni di pericolo per la salute e la sicurezza pubblica.

I whistleblower possono denunciare le condotte illecite o pericoli di cui sono venuti a conoscenza all’interno dell’organizzazione stessa, all’Autoritá Giudiziaria o renderle pubbliche attraverso i media o le associazioni ed enti che si occupano dei problemi in questione.

Spesso i whistleblower, soprattutto a causa dell’attuale carenza normativa, spinti da elevati valori di moralità ed altruismo, si espongono singolarmente a ritorsioni, rivalse, azioni vessatorie, da parte dell’istituzione o azienda destinataria della segnalazione o singoli soggetti ovvero organizzazioni responsabili ed oggetto delle accuse, venendo sanzionati disciplinarmente, licenziati o minacciati fisicamente.

Il simbolo di questa storia è Andrea Franzoso,  il whistleblower che  svelò i furti di Ferrovie Nord Milano e le “spese pazze” dell’allora suo presidente Norberto Achille ,  troviamo la sua vicenda nel libro Il Disobbediente (edizioni Paper First).  Andrea Franzoso, il disobbediente,  funzionario delle Ferrovie Nord Milano con l’aiuto del collega Luigi Nocerino scoperchiò il “sistema” dell’azienda di trasporto lombarda, sotto quel coperchio il gup Roberto Arnaldi ha stabilito per l’ex presidente di Ferrovie Nord Milano spa holding,  Norberto Achille,  due anni e otto mesi di carcere nel processo in abbreviato in cui l’ex dirigente era accusato di peculato e truffa. Il pm Giovanni Polizzi, che aveva chiesto esattamente la stessa pena, lo accusava di avere distratto dalla società, partecipata da Regione Lombardia e da Ferrovie dello Stato, 429mila euro, fondi di cui aveva disponibilità per via delle “funzioni svolte” e che avrebbe utilizzato, invece, per fini personali suoi e dei suoi familiari: la moglie e due figli.

Secondo il capo di imputazione, Achille avrebbe “destinato” due “utenze telefoniche aziendali a uso esclusivo” della moglie e del figlio Marco e si sarebbe fatto “addebitare le telefonate effettuate dall’altro figlio” Filippo (arrestato nel giugno 2015 con l’accusa di aver aggredito il padre per avere soldi) sulla sua utenza aziendale, per un totale di oltre 124mila euro. In più, avrebbe utilizzato le carte di credito aziendali “per spese personali proprie e dei propri familiari” per un totale di 74.144 euro: si va dai 3.750 euro spesi in “scommesse sportive” ai 7.634 in abbonamento alla pay tv, compresi i costi per la “visione di una serie di film pornografici”.

Tra le contestazioni anche l’uso improprio delle auto di Fnm “a lui assegnate” anche messe a disposizione, con tanto di autista, per “gli accompagnamenti” del figlio Filippo. Per l’accusa, tra l’altro, Achille non avrebbe comunicato alla società le multe prese dal figlio Marco con macchine aziendali, mettendole quindi in conto a Ferrovie Nord Milano che avrebbe pagato indebitamente oltre 158mila euro.

La giustizia ha fatto il suo corso, ma lungo questo percorso che fine avrà fatto Andrea franzoso, che ne è stato di quel disobbediente che si è permesso di mettere in  discussione le virtù della capitale morale d’Italia ?

Andrea Franzoso dovette presentare un ricorso al tribunale del lavoro per essere stato rimosso dal suo incarico, dopo aver presentato la denuncia contro il manager:  cioè il trattamento ricevuto dal funzionario della partecipata della Regione Ferrovie Nord Milano spa per aver denunciato, è stata la rimozione dal suo incarico – si legge nel ricorso presentato al tribunale del Lavoro – “costretto a trascorrere la giornata lavorativa nella più completa inattività e con progressivo isolamento: i colleghi di lavoro erano restii a recarsi nel suo ufficio per timore di essergli associati e subire ritorsioni”.

Colleghi, compagni di lavoro, che vennero, videro, tacquero. Scrive Andrea Franzoso nel libro «Il disobbediente» (PaperFirst editore) che il giorno in cui si scoprì che era stato lui a far scoppiare il bubbone, fu circondato da colleghi in festa, compresa una segretaria dell’ormai ex presidente Achille: «È una bella donna sui quarant’anni. Alta, bionda, sempre in grande spolvero e con indosso abiti griffati. Scuotendo i pugni in avanti, esulta: “Evvai, ragazziii!”. Ride nervosamente e domanda: “Posso abbracciarvi?”. Mi faccio avanti, lei si avvicina a braccia aperte. Mi stringe forte a sé e mi stampa due grossi baci sulle guance: “Grazie, Andrea”. (…) La osservo con una punta di amarezza. Dov’era, lei, in tutti questi anni?»… «I più coraggiosi, quelli che per primi si erano affrettati a manifestare platealmente, a me e a Luigi Nocerino il proprio sostegno, sono i primi anche a voltarci le spalle e a salire sul nuovo carro – o meglio: Carroccio – del vincitore». Carroccio ferroviario affidato dal governatore leghista Roberto Maroni al nuovo presidente delle Fnm, il non meno leghista Andrea Gibelli. Piazzato lì «per garantire», diceva, «maggiore semplificazione e trasparenza». Prima mossa: la rimozione non dei tanti che «non avevano visto» ma di chi aveva denunciato l’andazzo. Un segnale al «sistema» molto esplicito.

Eppure  Andrea Franzoso non è stato il primo, nella storia italiana, a pagar cara la scelta di denunciare un’abitudine poco morale,  il garibaldino Cristiano Lobbia che, eletto deputato, denunciò al Parlamento di Firenze, il 5 giugno 1869 (poi si dice fatta l’Italia…), la cessione per quindici anni a faccendieri anonimi raccolti intorno al Credito Mobiliare, della Regia Tabacchi, cioè il monopolio che secondo il banchiere Rothschild era «l’unica entrata sicura dello Stato», in cambio di un anticipo di 180 milioni. Meno della metà di quelli offerti a condizioni migliori (…) da certi finanzieri parigini e londinesi. Fu esaltato come un eroe, sulle prime, il parlamentare garibaldino. Ma poi venne annientato da una macchina del fango mai vista prima…

La morale di questa vicenda? Ognuno ne tragga la sua. Io l’ho trovata e l’ho messa  nel  titolo volgaruccio di questo articolo: la morale con il culo degli altri.

Adesso possiamo tornare al vero sport nazionale: il pregiudizio verso quei furbetti del sud che sanno solo rubare.  E  la capitale morale ? e Andrea Franzoso? Nessun problema un paio di talk show con il terroncello che si ruba la pensione, qualche falso invalido, un paio di parcheggiatori abusivi e tutto torna al suo posto.

 

MASSIMO MASTRUZZO

Perché la politica meridionale è contro il tempo pieno nella scuola del Sud.

Share Button

di Ciro Esposito

Grazie al rapporto di “Save the Children” appena pubblicato, che evidenzia la relazione tra mancanza di tempo pieno e dispersione scolastica al Sud, la stampa comincia a parlare di questa larga falla nella scuola meridionale.
Le cifre sono note da tempo e gridano vendetta: su un totale di 917058 alunni delle scuole primarie statali che usufruiscono del tempo pieno, ben il 58,5% frequenta scuole del Nord, solo l’11,7% al Sud o nelle isole e il resto al Centro.
Negli ultimi dieci anni anni la situazione è persino peggiorata.

Con Letizia Moratti ministra della Pubblica Istruzione, le 40 ore del tempo pieno diventarono facoltative (a scelta individuale).
Da allora il Sud non è stato in grado di difendere il tempo pieno e prolungato nelle proprie scuole.

Si può pensare che sia stato attaccato solo dalla destra. Non è così. Infatti, il tempo pieno al Sud sconta il disinteresse della politica e degli enti locali, troppo inetti e subalterni per diventare protagonisti di una vertenza che persegua interessi di carattere generale.

Meglio ripiegare su quel tanto di intermediazione delle risorse che la politica scolastica consente.
In questo senso, il modello peggiore è stato rappresentato da “Scuole Aperte” al tempo di Bassolino Presidente della Campania e del suo assessore comunista all’istruzione, quando furono dispersi in mille rivoli i fondi per la scuola che potevano essere convogliati su obiettivi determinati e misurabili.

La Regione Campania non venne neppure sfiorata dall’idea di trattare con il governo sul tempo pieno, che avrebbe significato più tempo-scuola e più insegnanti (ma liberi e non dipendenti dalle elargizioni politiche su progetti e progettini).
A volte la rinuncia al tempo pieno e prolungato si ammanta di velleità ideologiche. C’è un “terzo settore”, anche di sinistra e anche di estrema sinistra, che rispolvera e piega ai fini della giornata il concetto, di per sé generico e ambiguo, di “comunità educante”.

Al Nord, lì dove la società è più forte, nemmeno si sognano di rinunciare allo Stato e anzi, usano la propria maggiore forza per difendere il tempo pieno istituzionale, più solido, continuativo e strutturato rispetto agli interventi del gruppo, dell’associazione, della realtà di base, i quali hanno comunque necessità del finanziamento statale o privato, che è spesso discontinuo e sempre discrezionale.
I peggiori di tutti sono i rappresentanti del popolo meridionale in Parlamento. A tal proposito mi basta citare un episodio.

Quando si trattò di distribuire i fondi della lotta all’evasione scolastica venne privilegiato il criterio della densità scolastica (più alta al Nord) a quello della densità di abbandono (più alta al Sud).

La Lombardia ottenne più fondi della Campania. Tra i deputati meridionali nessuno ebbe nulla da obiettare, eppure Napoli aveva al governo, in qualità di sottosegretario all’istruzione, il suo più famoso – e santificato – maestro di strada.

« Articoli precedenti