Archivio Notizie

Tutte le notizie dal mondo del meridionalismo

SE UNA MEMORIA E’ PIU’ INUTILE DI UN’ALTRA

Share Button

Di Annamaria Pisapia

“Sud, no alla memoria inutile”. Così titola “Il Mattino”, il dibattito tra Massimo Adinolfi e Gianfranco Viesti riguardo alla proposta approvata dalla Regione Puglia di istituire una giornata della memoria, per commemorare le vittime del Regno delle Due Sicilie. Un articolone scritto a due mani in cui l’uno rafforza le tesi dell’altro, che definire dibattito, senza un contraddittorio, suona mostruosamente beffardo. Laddove la memoria della perdita di quanti furono sacrificati per l’unità acquista lo stesso valore di un insetto, inutile e fastidioso. Sorprende che Adinolfi affermi: “ Come se la storia non fosse altro che una macelleria di uomini e popoli. E come se l’unica posizione moralmente legittima fosse quella che si pone sempre solo dalla parte degli sconfitti…” Non so se se n’è accorto ma ha appena disconosciuto l’Olocausto. Tranquillo, non verrà tacciato di negazionismo, reato punito con la detenzione, perché sono sicura che il riferimento era riservato solo a quelli del Sud, facilmente intuibile dall’ affermazione successiva: “ Insomma, è come se fare l’unità d’Italia-uno dei più grandi risultati dell’età moderna- non rendesse oggi meno accettabili i fucili piemontesi puntati contro l’esercito borbonico…” Io non so in base a quale perverso meccanismo mentale si possa arrivare a simili affermazioni. La legittimazione di un’aggressione di un territorio, di uno Stato libero e indipendente, di una Nazione, di un popolo, la depredazione, l’abominio subito, la devastazione, gli stupri, l’annientamento, la perdita di una capitale,( Napoli, retrocessa a capoluogo di provincia, in favore di una insignificante città come Torino, da cui distava 900 km, per non parlare dei 1600 km di distanza che la nuova capitale aveva con la Sicilia) con l’aggravio del decimo di guerra , esteso a tutto il Regno, per le spese sostenute per la “liberazione”,ed infine la colonizzazione, tuttora in atto. Eppure la sorpresa più sconcertante arriva proprio da Viesti: “ L’ampia evidenza storica non giustifica particolari nostalgie. Non era l’inferno, comparato al paradiso sabaudo, ma la ricerca converge ad esempio nel valutare come infimo, molto più basso che negli altri stati preunitari, fosse il livello di alfabetizzazione. Un divario, quello dell’istruzione elementare, che sarà colmato solo dopo un secolo e che peserà enormemente sul ritardo economico e civile del Sud…” Di quali nostalgie va cianciando se parla di evidenza storica? E di quale analfabetizzazione? Dimentica il 90% di analfabeti della Sardegna, appartenente al Regno dei Savoia, la quale, per un “oscuro” motivo, viene accorpata al Sud nelle statistiche dell’analfabetismo facendo innalzare la percentuale e per contro aumentare il livello di alfabetizzazione del nord. Nientedimeno che occorse un secolo per “colmare” questo divario? Viesti non si indigna? Non pensa che, invece, occorse un secolo per deprivare e impoverire sempre più il Sud a vantaggio del nord,( come dimostrato anche da Francesco Saverio Nitti in “Napoli e la Questione Meridionale”, o dall’ unitarista Maddaloni nella sua mozione d’inchiesta del 20 novembre 1861) ed instillare quella forma mentis di un Sud povero, arretrato, ignorante, sporco, analfabeta e… vennero a liberarci? Ma se Viesti ha cercato di dare un colpo al cerchio e uno alla botte( capita quando non si hanno le idee chiare e si risente di quel copione che preme sulla coscienza, impedendo un’analisi lucida e priva da condizionamento), Adinolfi chiude con una “chicca”: “Infine vorrei porre una domanda sul significato di una memoria condivisa. Questo tema è stato posto in Italia a proposito del discrimine sul fascismo-antifascismo e a quel riguardo Giorgio Napolitano, da Presidente della Repubblica, ha più volte messo in guardia dalle false equiparazioni e banali generalizzazioni. Non è lo stesso avviso che bisogna tenere nei confronti delle vittime meridionali dell’unificazione per evitare di dare la 1861 il significato di una morte della Patria meridionale?”. In che modo definirebbe la cancellazione di uno Stato- Nazione libero indipendente, come già esposto, annesso con la forza e tenuto in stato di colonia, se non come la morte di una Patria, (tale era prima dell’arrivo dei piemontesi)? E perché mai le migliaia o centinaia di migliaia, (forse che fa differenza?)di vittime che si batterono, per legittima difesa, contro chi , a suon di fucilate, era venuto a liberarli, non avrebbero pari diritti alla rimemorazione come gli ebrei, gli armeni, gli istriani, i cileni, i giapponesi, i cambogiani, i nativi americani… Cosa li distingue dalle vittime dell’ex Regno delle Due Sicilie (diamogli il nome giusto, perché essi facevano parte di uno Stato che andava sotto tale denominazione e non c’entra un fico secco la nostalgia)? Il numero delle perdite? Qual è il limite minimo garantito, da cui si può “avanzare” il diritto a richiedere di poter elaborare un lutto ( intrappolato nello spazio e nel tempo, soffocato e sostituito da una macabra euforia, imposta dai liberatori) un riconoscimento al loro sacrificio senza che qualcuno si arrampichi sugli specchi nel tentativo maldestro di protrarre l’occultamento di una verità scomoda , pesante? E non è forse proprio quel Giorgio Napolitano, che menziona Adinolfi, ad aver affermato, in occasione della giornata della memoria della Shoah: “bisogna sempre guardare al passato per non dimenticare, affinchè sia di monito per le generazioni future” . L’unità d’Italia porta i segni di una conquista violenta e cruenta celata, come è d’uso, dagli stessi conquistatori. Prima se ne prenderà coscienza e meglio sarà per tutti.

Come investire per 10 minuti!

Share Button

 

In questo paese si sono finanziati progetti per ponti e linee di super-alta velocità di non provata utilità che saranno il più grande investimento pubblico della storia di questa nazione pur interessando solo parte di essa. La stessa alta velocità a cui la Germania ha saggiamente già rinunciato considerando sufficiente la velocità di 250 chilometri all’ora e valutando troppo costosi i pochi minuti guadagnati in quelle poche tratte dove si sarebbero potuti raggiungere i 300 all’ora: Colonia-Francoforte e Norimberga-Ingolstadt.

Nel nostro paese le due tratte più lunghe che i treni possono percorrere a 300 all’ora sono quelle da Tavazzano (tra Milano e Lodi) a Modena (circa 150 km) e tra Roma e Napoli (poco meno di 200). Su 150 km di percorso la perdita di tempo rallentando da 300 a 250 all’ora è di sei minuti. Tenuto conto che da Bologna a Firenze la differenza è irrisoria e che da Firenze a Roma la linea è comunque limitata a 250 all’ora, la perdita di tempo da Milano a Roma sarebbe compresa tra i 5 e i 10 minuti (fonte ilsole24ore).

Milioni di fondi pubblici per 10 minuti in mezza Italia mentre da Trieste a Palermo in media si perde il 50% di acqua per mancata manutenzione degli impianti. In parole povere, 10 minuti che rischiano di lasciare per 8 ore senza acqua milioni di cittadini (quelli del nord potranno rivolgersi a quelli del sud per le istruzioni sul come fare visto che qui il razionamento dell’acqua è l’appuntamento fisso di ogni estate), 10 minuti che rischiano di mandare in fumo intere aree di macchia mediterranea per mancanza di mezzi e piani di prevenzione/interventi per gli incendi che sistematicamente si ripetono ogni anno.

Sembra che “la giovine Italia” si diverta di più a giocare 10 minuti con ponti e trenini piuttosto che guardare in faccia le reali esigenze della popolazione, tutta dal nord al sud.

Massimo Mastruzzo.

 

Vacanza di ritorno: il tempo scorre ma nulla cambia

Share Button

Ed è vacanza, di ritorno.

Ecco arrivato, dopo il Natale, l’altro momento dell’anno dove milioni di “turisti” tornano a casa. Come per ogni viaggio di ritorno si ricorre sempre più all’uso dei Bus come mezzo di trasporto ma “trasporto meridionali” con destinazione sud.

Non solo viaggi di piacere, ma soprattutto rientri in cerca d’amore, un amore pagato a caro prezzo alle compagnie aeree, alle poche rimaste che ancora operano negli aeroporti del sud, a Trenitalia, quella che la freccia rossa c’è ma non per tutti, e alle compagnie di trasporto su gomma, cresciute sempre più negli ultimi anni poiché fungono da alternativa economica.

Uno Stato cosciente della disomogenea condizione economica all’interno dei propri confini dovrebbe assumersi la responsabilità di creare condizioni più vantaggiose che permettano ai milioni di migranti interni un ritorno in famiglia economicamente più agevole piuttosto che compiere l’operazione opposta: sembra quasi che i nostri governanti siano d’accordo con le diverse compagnie per cercare di trarre maggior profitto da quei lavoratori migranti/vacanzieri che da oltre un secolo compiono periodicamente il loro lungo viaggio tra la terra madre ed il luogo, subdolamente imposto, del loro lavoro. La maggiore conseguenza di questo modus operandi è stata l’aver portato alcuni dei suoi territori ad essere a rischio estinzione demografica mentre altri a rischiare di scomparire proprio fisicamente a causa dell’eccessivo consumo di suolo per sfruttamento delle risorse (Basilicata docet).

Senza cadere in una smielata retorica, mi piace immaginare le tante mamme che si adoperano in cucina nella preparazione delle prelibatezze tradizionali in attesa di ospitare i figli per le vacanze, consce che il tempo che passeranno con loro sarà comunque insufficiente a colmare il vuoto d’amore fatto di anni di distanza.

E poi, padri e nonni che raccontano orgogliosi ad amici e parenti di figli che “si sono sistemati” e di nipoti tanto bravi e belli. Quanto è grande l’impazienza di vedere “quanto si sono fatti grandi” e quanto il rimpianto di non poterli vedere crescere o, come ogni nonno vorrebbe in fondo fare, di non poterli accompagnare a scuola o al parco!

Fortunatamente non abbiamo più le valigie di cartone ma, non per fare la solita retorica sul terrone che ritorna a casa, avremmo soltanto voluto poter scegliere se essere cittadini del mondo invece di essere costretti ad esserlo da questo Stato che, consapevolmente dal 1861, ci ha condannato ad avere un segno meno davanti ad ogni diritto ed anche davanti ai sentimenti. Siamo diventati cittadini di serie B.

Non saranno le cipolle che faranno scendere le lacrime a madri e padri davanti a figli e nipoti che a vacanze finite ripartiranno, ma sarà il sintomo della consapevolezza di uno Stato che ci ruba anche l’amore e di cui risulta difficile fidarsi.

Il tradimento dei sentimenti di un popolo porterà alla rivoluzione per il riscatto della propria esistenza.

Massimo Mastruzzo.

THE SUN: Napoli tra le città più pericolose al mondo? Ma famme ‘o piacere…

Share Button

ADDIRITTURA?

Il giornale inglese The Sun con una classifica a dir poco infondata ,inserisce Napoli tra le città più pericolose al mondo.

Eppure recenti dati Eurostat pongono in Europa proprio la Gran Bretagna sul podio più alto di questa triste classifica, e tralasciamo i dati sugli omicidi di Chicago negli USA.

l’ambasciata italiana a Londra ha protestato contro l’assurda classifica del Sun, ma il silenzio assenso dei nostri organi governativi fa più male dello stesso giornale inglese che probabilmete ha tra i suoi redattori molti appassionati delle varie serie Tv di Gomorra.

Ho riflettuto, dopo l’infelice uscita del THE SUN, se e in che modo prendere posizione, alla fine  ho deciso di far tesoro delle mie esperienza personale tralasciando dati e tabelle che potrebbero smentire, confermare, ribaltare ogni classifica semplicemente sottolineando un particolare dato piuttosto che un altro.

Sono stato a Londra poche settimane prima del triste attentato sul ponte Westminster, come ogni turista medio ho visitato i luoghi turisticamente più conosciuti e su quel ponte, non in una pericolosa zona di periferia comune ad ogni grande metropoli, ho fatto le classiche foto ricordo da far vedere ad amici e parenti.

Quando la Bbc ha trasmesso le immagini dell’auto dell’attentatore che attraversava il ponte di Westminster, investiva i pedoni, mostrando una donna che si buttava nel Tamigi, ho provato un brivido di paura. Sapendo che mia nipote vive a Londra, ciò mi fece temere per la sua incolumità. Fortunatamente, da provinciale quale sono, non ho ben presente le dimensione di una grande metropoli come Londra e mi tranquillizzai soltanto più tardi pensando che mia nipote vive lontano da quel bellissimo luogo meta di tanti turisti: Westminster con il suo Big Ben.

Pochi giorni dopo l’attentato, le indagini portarono a Birmingham, la seconda città inglese per grandezza dopo Londra, e un altro momento di paura mi assalì: il fratello minore di mia moglie lavora a Birmingham.

Bruxelles, 20 giugno 2017, una piccola esplosione e alcuni colpi d’arma da fuoco intorno alle 2 nella stazione centrale sono stati un attentato confermato dalle forze dell’ordine: meno di 48 ore prima mi trovavo in quella stazione alla ricerca del binario 1 per recarmi all’aeroporto.

Parigi: ho deciso, lasciandomi colpevolmente influenzare dai ripetuti attentati terroristici, che per il momento non farò viaggi nella bellissima capitale francese.

Napoli: attraente come una bella donna che si mostra disponibile ma non si concede, scoprire ad ogni “appuntamento” un angolo della sua bellezza è la sua arma di seduzione. Eventi spiacevoli? Personalemete nessuno, e non vuol dire che non ce ne siano, come in ogni altra grande metropoli qualche incoveniente  può accadere, ma da qui ad inserirla tra le città più pericolose al mondo, addirittura alla pari di luoghi tragici come Raqqa, governata dall’Isis… No, sono certo che i redattori del THE SUN hanno visto Napoli solo in qualche serie TV, immaginando qualche immagine di periferia come rappresentativa di una delle città più belle al mondo.

Cari redattori del THE SUN con una bella donna andateci a cena, accarezzatela, inebriatevi del suo profumo, ubriacatevi del suo sorriso, provate a corteggiarla e a fine serata tornate a letto sperando di sognarla. Se la guardate in TV …?

 

Massimo Mastruzzo

Una visione mediterranea per una politica alternativa

Share Button

di Pierluigi Peperoni

Molto spesso abbiamo parlato di autonomia intesa anzitutto come un modo diverso per il mezzogiorno di pensare se stesso. Parliamo quindi di autonomia di pensiero e di diritto a ripensare il futuro della nostra terra. Troppe volte il sud è stato intuitivamente immaginato come un non-nord, come un luogo che è rimasto strutturalmente indietro nella corsa allo sviluppo industriale che ha caratterizzato la fine dell’ottocento e quasi tutto il novecento. Questo limita le prospettive di crescita e sviluppo dello stesso sud che invece andrebbe concepito e ripensato in quanto tale. Il modello occidentale e settentrionale non è l’unico modello possibile a cui uniformarsi, ma piuttosto solo uno dei tanti. Ripensare il sud è un’operazione difficile, perché bisogna cambiare radicalmente il modo stesso in cui le persone del sud si considerano. Diventa quindi necessaria un’operazione di “decolonizzazione mentale” che consenta ai meridionali di ripensarsi fuori dagli schemi imposti in quasi due secoli di storia. Quest’operazione non può che avvenire in autonomia dalle logiche di un sistema Italia che ha tutto l’interesse perché ciò non avvenga. Ne è la logica conseguenza il fatto che non possono essere considerati interlocutori politici credibili tutti coloro risultino collegati ai partiti nazionali. La funzione dei partiti nazionali è infatti quella di bloccare sul nascere la possibilità che nel Paese meridionale si costruiscano centri di volontà politica da esso emergenti. Per impedire che ciò avvenga attuano delle strategie di “assorbimento” delle intelligenze convogliando nei propri ranghi, come milizie ascare ben retribuite e socialmente ben collocate, le classi dirigenti meridionali. I partiti nazionali sono vere e proprie strutture preposte ad un’occupazione permanente. Non va confuso però il rapporto che con essi hanno i comuni militanti di tali partiti che sono spesso elementi di grande valore e generosità; forze autentiche sottratte alla causa dell’avanzamento della loro terra attraverso tale perverso meccanismo “nazionale”.

Al contrario bisogna porre al centro dell’azione politica e culturale la riscoperta delle identità e delle tradizioni dei popoli meridionali tutti attraverso la riscoperta del valore della lentezza. L’assolutizzazione della velocità conduce ad una deteriorazione delle esperienze che tendono a scomparire o comunque a venire sostituite da altre che poco hanno a che vedere con la matrice originale. Da questo punto di vista non va confusa l’operazione di difesa della lentezza con una nostalgia del passato, di forme politiche ormai superate. Piuttosto si tratta di contrapporsi a un certo tipo di velocità funzionale esclusivamente allo sviluppo capitalistico che vuole liberarsi di qualsiasi ostacolo gli si ponga davanti. La velocità conduce al modello della modernità liquida, che erode valori nel nome di un processo di modernizzazione che non guarda più all’uomo e ai suoi bisogni. Lentezza significa quindi occuparsi dei danni che la velocità produce. Il ritorno ad una democrazia fatta di persone che discutono dei propri bisogni e delle esigenze dei propri territori è un contrappeso alla pulsione verso l’eliminazione del dialogo che è propria dei processi di modernità liquida che percepiscono il dialogo come ostacolo da superare.

Una visione mediterranea

I nostri territori sono al centro del Mediterraneo, che oggi è percepito come “mare” di frontiera e che invece dovrebbe tornare ad essere centro dell’Europa. È necessario superare l’idea che il Mediterraneo delimiti e divida due aree diverse, ma piuttosto dobbiamo riappropriarci dell’idea che il “mare nostrum” torni ad essere di tutti. Nel corso dei secoli tutti i popoli affacciati sul Mediterraneo hanno intensamente dialogato, commerciato, creato legami e permeandosi di tutte le altre culture con cui venivano in contatto. Per questa ragione non esistono razze e culture pure, ma al contrario vi è qualcosa di altri in ognuno di noi. Diventa quindi necessario superare i limiti della paura dell’altro – nato magari su un’altra sponda del nostro mare – e aprirsi alla conoscenza di chi si considera diverso per scoprire quali sono i legami tra le differenti culture.

Viene da se che la cultura mediterranea non può essere che moderata, non può far altro che rifiutare tutti i fondamentalismi. Non esiste un popolo, una razza, una cultura che possa arrogarsi il diritto di dirsi pura. Diventa necessario un processo di laicizzazione dei popoli che affacciano sul Mediterraneo che non venga imposto con la forza, ma che sia piuttosto frutto di una naturale evoluzione culturale e che parta proprio dalla consapevolezza che tutte le tradizioni sono già contaminate e che esistono notevoli punti di contatto. Evidentemente è necessario che divenga chiaro che non esistono visioni e culture assolutamente positive o assolutamente negative, quanto piuttosto esiste una pluralità che deve imparare a confrontarsi traendone vantaggio reciproco.

Gioia Tauro – Presente e futuro di una promessa mai mantenuta

Share Button


di Massimo Mastruzzo

Il 15 luglio è una data importante per l’area portuale di Gioia Tauro

Non è naturalmente il giorno delle ferie estive per quello che, stando alle dichiarazioni trionfali del 1975, sarebbe dovuto diventare il quinto centro siderurgico d’Italia e tanto meno è il giorno di paga per chi, dal 1994, produce il 50% del PIL della Regione.

Il 15 luglio, purtroppo, partiranno 400 lettere di licenziamento per altrettanti impiegati in quella che è definita “la porta del sud”. Una struttura dalle potenzialità immense e che invece, per mano della solita politica italiota, vede una riduzione del personale. Qualsiasi alta nazione avrebbe trasformato il bacino nella miniera d’oro che palesemente è ed invece, a Gioia Tauro, sta accadendo altro.

La scelta dell’azienda terminalista Mct sembra non essere la classica triste questione di esuberi. Sembra che dietro il fattaccio si nascondano ombre molto più cupe e che riguardano più in generale il futuro stesso del Porto e dell’area prospiciente. Mala tempora currunt sed peiora parantur

A pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca, e fu proprio Giulio Andreotti a posare la prima pietra del cantiere che doveva dare vita al porto. Nato come “moneta di scambio per la composizione dei moti reggini del 1970, l’ambizione della colossale opera era quella di dare lavoro a 7500 persone.

Oggi, purtroppo, se ne contano solo 2240, fra porto ed indotto. E di cosa ci stupiamo, se giusto qualche settimana fa – vedi a volte le coincidenze -, il premier Paolo Gentiloni ha indicato ai grandi imprenditori orientali i porti di Triste e Genova come UNICI terminali verso cui indirizzare le merci in entrata nel Mediterraneo?

Immaginarsi un coro di proteste sarebbe stato legittimo: invece nulla. Regione Calabria, Città Metropolitana di Reggio Calabria e (salvo qualche eccezione) amministratori locali si sono accomodati in un assordante silenzio.

Il territorio calabrese è piegato da mille emergenze e vessato da una criminalità che ve ne si nutre. In queste condizioni quattrocento posti di lavoro persi rappresentano un costo esiziale e lo stato dovrebbe intervenire.

Ad oggi solo promesse. In teoria ci si aspettano la ZES (Zona economica speciale) e 45 milioni all’agenzia per il lavoro. In concreto? Nulla si muove.

Quessto stato non ha dignità. Quanta volete che ne conceda alla sua colonia interna?

Camera a Sud – Festival itinerante di cultura meridionalista

Share Button

“Camera A Sud”, festival itinerante di cultura meridionalista (ispirato al titolo dell’omonima canzone di Vinicio Capossela), è un format che nasce da un’idea di MO! – Unione Mediterranea e che è patrocinato, in questa prima tappa a Manfredonia, dal Comune, dall’Agenzia del Turismo e dal Gal DaunOfantino.

Composto da sette serate (il programma è reperibile sull’evento facebook) è una manifestazione culturale dedicata alla Questione Meridionale, dalla sua nascita con l’unità d’Italia al suo progressivo aggravarsi, e sarà itinerante, affidando ad ognuno dei relatori un luogo specifico della città di Manfredonia. I libri degli autori saranno il punto di partenza di ogni serata e daranno il via a un confronto con il pubblico.

Perché organizzare un evento del genere? Per un motivo molto semplice: la cultura è potere.

E’ ormai giunta l’ora di mettere al corrente la popolazione delle ragioni delle continue ed ingiuste disparità Nord-Sud. E’ necessario far sì che il cambiamento nelle coscienze meridionali passi anche e soprattutto per la cultura, unica chiave di volta utile a far comprendere la verità storica. Capire meglio il presente, per poi modellare il futuro dipende esclusivamente da questo.

Manfredonia sarà dunque solo la prima di tante tappe del festival, che sarà riproposto in tutte le città interessate alla manifestazione. Il format sarà sempre lo stesso e cercherà di dare voce ai tanti artisti, musicisti e scrittori meridionalisti del nostro tempo, in modo che la nostra vicenda, costantemente soffocata dal pregiudizio diffuso, possa finalmente usufruire del panorama che si gode osservando il mondo dalla finestra della “Camera A Sud”.

Facile come rubare il futuro ai Calabresi – Quale prospettiva, senza trasporti?

Share Button


di Massimo Mastruzzo

“Facile come rubare le caramelle ad un bambino”

Il detto è famoso e talmente diffuso che difficilmente si riesce ad immaginare un’altra idiomatica che possa rendere così universalmente il senso inteso. Eppure se l’andazzo rimane questo, il primato di tanta locuzione potrebbe essere insidiato da “facile come rubare il futuro ai calabresi”.

La Calabria, infatti, dopo essere stata colpita via mare e via terra, viene ora “bombardata” per via aerea.

Non sazi dei mancati investimenti nelle infrastrutture terrestri che stanno soffocando il porto di Gioia Tauro, non soddisfatti del nulla ferroviario e autostradale, i mammasantissima del trasporto pubblico affondano un’altra stilettata al mai troppo auspicato sviluppo meridionale. L’ultimo affronto viene dal presidente dell’Anac Vito Riggio che, ritenendo inutili gli aeroporti di Crotone e Reggio, suggerisce addirittura una loro chiusura.

Questo, per una delle aree più svantaggiate d’Italia, è quanto di più cinico, iniquo e politicamente deleterio ci si potesse aspettare, soprattutto all’indomani delle dichiarazioni di Gentiloni che invitava ad investire nel Mezzogiorno. Perdonatemi il francesismo ma in Calabria gli eventuali investitori come cazzo ci devono arrivare? Se continuiamo a presentare una parte del paese non già come un luogo su cui investire ma come un ramo aziendale infruttuoso, chi volete che si interessi alle sorti di milioni di contribuenti? Invece di risolvere l’evidente deficit infrastrutturale che taglia dal Paese e dall’Europa le nostre aree, ci propinano soluzioni che affondano ogni speranza di ripresa.

Credo che l’unico comportamento da adottare sia non aspettarsi nulla dalla politica nazionale. Proporre vie nuove e strettamente legate al nostro territorio dovrà essere la nostra difesa. Imporre forze fresche che abbiano a cuore gli interessi della nostra Patria: l’unico contrattacco possibile.

Calabresi? Tutti ‘ndranghetisti – La stampa italiana e le maliziose narrazioni salgariane

Share Button


di Massimo Mastruzzo

Torno malvolentieri su questo argomento: l’associazione esclusiva fra mafie e meridionali. Gli altri si dovranno accontentare del semplice epiteto di “collusi”. Rassegniamoci ancora una volta a questa conclusione che ci fregia di questo sgradito ed antico pregiudizio. Abitudine giornalistica, criticata anche da Umberto Eco, ereditata dalla retorica giustificazionista prodotta dall’invasore piemontese nel periodo post-unitario. Concezione rafforzata dalle false teorie Lombrosiane e concretizzata nell’infame legge Pica del 15 agosto 1863, n. 1409 (“Procedura per la repressione del brigantaggio e dei camorristi nelle Provincie infette”).

Non si spiega altrimenti l’ennesima generalizzazione. In questo caso è il Fatto Quotidiano a sputare in faccia ai cittadini onesti di San Luca. Espungere le brave persone da un panorama sociale complesso quale quello della locride è funzionale alla narrazione catastrofica alla quale gli italiani sono abituati. A San Luca devono essere tutti ndranghetisti, altrimenti cosa racconti ai tuoi lettori? La vulgata salgariana vende. Pensateci: si parla di una landa esotica, dove le anime sono tutte nere. Il titolo di buon selvaggio è conferibile esclusivamente post mortem (e solo se si è vittima di mafia). Il civile italiano può provare un brivido avventuristico stando seduto nel suo salotto distante poche centinaia di chilometri da questa Mompracen. Il dipinto è paradossalmente rassicurante e lo è perché la conferma dei propri pre-giudizi o delle proprie idee è rassicurante in se.

Leggiamo quindi (molte) frasi del tipo “Ma è quello che è avvenuto dopo che dà la dimostrazione plastica di come il territorio di San Luca e la sua società sia completamente infiltrata alla ‘ndrangheta.”, che lasciano intuire come la totalità della cittadinanza si fosse prestata allo squallido inchino (che purtroppo non è possibile negare).

Strano. Qualche riga più su l’articolista riportava che solo vicini di casa e parenti (plausibilmente persone dell’entourage di Giorgi, e non altri!) si erano prestati a questa ignominia. Quando si generalizza si tende a fare confusione e a perdere lucidità, pare.

Appare chiaro che tutti vengano sacrificati alla “sicurezza narrativa” di cui parlavo poco fa. Criminali e non. Poco importa se gli individui onesti (che ci sono!) vengono traditi due volte: la prima dai quei concittadini che il cancro lo omaggiano; la seconda da chi si dice cronista ma li abbandona, privi di speranze, alla generalizzazione più sconfortante. Quale speranza avranno le persone oneste, se per vendere qualche copia in più, le si ficca a forza nel novero di “partenti ed amici”?

Eppure i distinguo, i giornalettisti italiani, li sanno operare. Quello che avviene in merito ad Expo, vero e proprio vulnus all’onore della c.d. “capitale morale italiana“, è indicativo. Il GIP scrisse di ”Gravi superficialità” e di ”[..] convenienze” di “[…] soggetti appartenenti al mondo dell’imprenditoria e delle libere professioni” (insomma, dei Cumenda meneghini d.o.c.). Il Procuratore capo di Milano, Francesco Greco, in conferenza stampa, aggiunge: ”Le organizzazioni criminali sono riuscite ad inserirsi nelle partecipate pubbliche”. Il Procuratore aggiunto Ilda Boccassini, dice che il commissariamento della Nolostand spa, società del gruppo Fiera Milano, attraverso cui gli arrestati sono accusati di aver ottenuto dalla Fiera di Milano 20 milioni di euro di appalti, è un messaggio che viene lanciato ai grossi gruppi e alle multinazionali per avvisarli che con i loro comportamenti colposi stanno consentendo infiltrazioni di associazioni mafiose. (ibid.)

Come si vede in questi casi l’aggettivo qualificativo “rafforzativo” indicativo di criminalità collettiva non viene usato per identificare tutti i lombardi. Solo per fare un esempio più chiaro: Crocetta, siciliano, potrebbe essere indagato per mafia; Maroni, lombardo, solo per collusione.

Prendiamo un altro esempio: Mafia capitale. Nonostante la capillare diffusione del fenomeno a tutti i livelli, non mi pare che i romani o Roma stessa siano stati “appiattiti” sul ruolo del caloroso fiancheggiatore. Evidentemente si pretende che il Calabrese si dissoci pubblicamente (così come il Musulmano onesto e rispettoso DEVE dissociarsi dai pochi pazzi estremisti). Ma a pretenderlo chi è? E’ proprio il lettore salottiero che si sente Sandokan per qualche minuto, e che non si capacita di quanto – a giudicare da quel che legge – certe cose “ci vadano bene”.

Eppure chi di mafia se ne intendeva (un certo Giovanni Falcone) ebbe modo di affermare che: “La mafia non è affatto invincibile; è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà anche una fine. Piuttosto, bisogna rendersi conto che si può vincere non pretendendo l’eroismo da inermi cittadini, ma impegnando in questa battaglia tutte le forze migliori delle istituzioni

Lettera morta. Lo stato da noi è assente, salvo quando si tratta di Equitalia o delle tornate elettorali. Inutile ricordare quanto i partiti nazionali continuino ostinatamente a proporre i soliti collusi, di volta in volta. Inutile dire che questo dovrebbe palesare quanto la mafia sia solo un sottosistema di una macchina più grande. Finché continueremo a leggere romanzi sulla “stampa”, finché al lettore del Fatto Quotidiano propineremo generalizzazioni continueremo a vedere film e cartoon dove basta far parlare il personaggio con un certo accento per comprenderne il ruolo a priori.

La vittoria definitiva contro le mafie, invece, inizierà quando avverrà il rovesciamento di queste logiche. Inizieremo a vedere la luce quando i cittadini di questa malnata nazione smetteranno di vederci come complici di una pena che scontiamo, e pretenderanno – ad ogni latitudine – che lo stato intervenga seriamente. La vittoria comincerà quando noi rovesceremo questa classe politica che delle mafie si è sempre avvalsa. Il riscatto si avrà quando abbatteremo quella classe politica che giustifica i mancati investimenti in aree come quella del porto di Gioia Tauro per il rischio di infiltrazioni mafiose, quando invece proprio lo sviluppo socio economico di determinate aree darebbe pesanti spallate ai criminali nostrani.

Lasciatemi concludere con una nota di speranza. I cittadini di San Luca non sono tutti dei ‘ndranghetisti, i calabresi non sono ‘ndranghetisti, i calabresi sono Antonio Bartuccio, ex sindaco di Rizziconi che ha denunciato facendo arrestare dei mafiosi e che da quasi tre anni vive sotto scorta; sono Antonino De Masi imprenditore antimafia che vive ed opera nella Piana di Gioia Tauroal quale le abnche e le istituzioni hanno voltato meschinamente le spalle; sono Gaetano Saffioti che il 25 gennaio del 2002 dopo vent’anni di intimidazioni, estorsioni e testa china, decise di farla finita e riprendersi la sua libertà: si recò in procura e denunciò le ‘ndrine Piromalli e Bellocco che per decenni lo avevano privato della sua vita e del suo diritto di fare impresa: un eroe contemporaneo, un calabrese, imprenditore, testimone di giustizia; un motivo d’orgoglio per il quale sentirsi fieri di essere nati qui, nella terra dimenticata da Dio e dallo Stato.

C’è speranza. Chiediamo alla stampa di non abbandonarci, facendo di tutto il nostro popolo “carne da macello” attraverso svilenti generalizzazioni

Il Camaleonte Trump – Dalla collaborazione coi russi ai salamelecchi ai sauditi, mentre l’Italia si adegua

Share Button

da un libero commento all’articolo di Gianluca Ferrara del 23 maggio sul Fatto Quotidiano
di Massimo Mastruzzo

Apriamo un confronto che non abbia né il sapore delle prese di posizione precostistuite né quel gusto di complottismo-a-tutti-i-costi che oggi sembra invadere i social. Proviamo, come ci suggerisce il Taijitu, a ragionare sul concetto che gli opposti convergono. Utilizzando un po’ di filosofia spicciola si può affermare che ci sia un po’ di bene nel male e un po’ di male nel bene, e questo in base alla prospettiva di osservazione degli eventi. Tralasciamo per un attimo la (seppur utile) leggerezza delle disamine sul vestito che la first lady Melania indosserà in questo o quell’evento. Vorrei concentrarmi su una questione fondante, e per nulla lieve, dunque.

Trump sta svolgendo un mandato dai tratti farseschi. Sta via via tradendo molte promesse elettorali. Il discorso sarebbe vasto e dispersivo, ma in questo caso voglio concentrarmi su parte della sua politica estera. Ci ricordiamo tutti della iniziale intransigenza contro l’Islam che – al pari dei messicani, in altri ambiti – veniva usato in campagna elettorale come spauracchio generalizzante e funzionale al machismo reattivo di marca Trumpista. La favola di una presidenza intransigente, al limite del crociatesco, aveva attirato grandi simpatie dalla alt-right americana (e non solo). Sembrava che i populismi internazionali avessero trovato la soluzione alla neo-guerra fredda, fornendo un ottimo gatto alla volpe russa. Certo, rimaneva il nodo iraniano a dividere il talamo nuziale Trumputiniano, ma sembrava che le cose si sarebbero potute risolvere col tempo.

Le fiabe ad un certo punto finiscono, però. Come era prevedibile – quantomeno a chi non confezioni analisi di geopolitica sulle “testate” pseudogiornalistiche della destra italiana – il presunto “commander in chief” si è trovato difronte alla realtà, e le sue dichiarazioni gargantuesche hanno finito per scontrarsi con la realpolitik. Lo si è visto inizialmente in Siria, scacchiere sul quale questo camaleontico Trump-non-Trump si era mosso chiaramente in antitesi rispetto alle idee di equilibrio mediorientale che aveva lasciato intuire prima dell’election day americano.

Lo si vede adesso a Rhyad, dove appare più vicino agli interessi dell’industria degli armamenti che alla sua sbandierata vocazione all’eradicazione del terrorismo di area sunnita (e che io non fatico a definire di ispirazione wahabita). C’è da dire che l’attuale presidente degli states si è sempre dimostrato un grande amico dell’NRA e quindi non deve stupire troppo la sua vicinanza ai produttori d’armi. Diciamo soltanto che la virata è stata molto più brusca di quanto ci si aspettasse, e che ormai appare conclusa. Dal possibile (e scabroso, per certi versi) avvicinamento alle politiche russe si è tornati a posizioni più tradizionalmente stars-n-stripes, aiutati anche dalle intemerate anticomuniste dal sapore reaganiano nell’affaire Coreano.

Ma torniamo al caso recente. Secondo alcuni media, in meno di 10 anni gli stati uniti hanno venduto 115 miliardi di dollari di armi ai Sauditi. Secondo questa premessa, il viaggio di Donald Trump in Arabia, Israele ed Italia altro non sembra che il manifesto di una politica estera determinata dall’industria bellica e dalla fabbrica del consenso (almeno parte di quello che aveva ammaliato in precedenza). L’accordo appena concluso è noto: Ryhad acquisterà dagli Usa armamenti per 110 miliardi di dollari. Si tratta solo di una prima trance, l’obiettivo è di arrivare alla cifra record di 350 miliardi di dollari nel giro di pochi anni. L’Arabia Saudita, a cui anche il governo italiano vende i suoi armamenti, li sta adoperando per sterminare i civili su un altro scenario che vede USA e Russia fronteggiarsi per interposta persona: lo Yemen. A partire dal marzo del 2015 quello sfortunato paese conta di più di 16.000 persone uccise (10.000 i civili) e 3 milioni di sfollati.

Ma se quanto accade ai civili dello Yemen colpisce solo di striscio ( di pochissimo striscio) le nostre coscienze, quello che ci accade vicino è tutt’altra storia.

Oggi, a scuoterci, sono le giovani vittime dell’attentato di Manchester, ma è noto che l’Arabia Saudita ha finanziato e sponsorizzato l’Isis. Una contraddizione di cui nessuno parlerà. Eppure cose da dire ce ne sarebbero. Il documento numero 131801 di WikiLeaks del 30 dicembre 2009 riporta queste inquietanti frasi di Hillary Clinton:

L’Arabia Saudita resta una base decisiva di supporto finanziario per Al-Qaeda, i talebani, Lashkar-e-Taiba (un’organizzazione terroristica asiatica, ndr) e altri gruppi terroristici…”.

Sappiamo che l’ISIS nasce come costola Qaedista Irachena. Il cerchio si chiude.

L’azione esecutiva negli USA non appare fissata dalla politica. Le urne avevano espresso un presidente certamente tronfio e machista, ma dalle idee apparentemente antipodiche rispetto alle azioni attuali. Il sospetto è che invece gli americani si stiano muovendo guidati da grumi di potere formati da potentissime lobby. Se non si comprendono i reali rapporti di forza tra politica ed economia la realtà apparirà sempre distorta. E dire che per quanto riguarda gli states non c’è bisogno di retropensiero per gridare al lobbysmo, dato che esso è un meccanismo agente alla luce del sole.

Chiudiamo il discorso con una nota a margine. In perfetta coerenza con quanto fin qui sostenuto, Trump ricorderà poi a Gentiloni che gli USA propongono di innalzare al 2% del PIL la quota di adesione alla Nato. Questo significherebbe spendere circa 100 milioni di euro al giorno, mentre i ponti cascano, le opere d’arte degradano, le stazioni ferroviarie chiudono e gli ospedali e le scuole vivono una perenne incuria. Certo!, la politica ed i rapporti internazionali non sono guazzabugli a cui si possano fornire soluzioni semplicistiche. Sono disposto ad accettare l’idea che non si possa pretendere un diniego netto da parte del governo italiano, in questo caso così come in altri mille. Cionondimeno io trovo estremamente irrazionale il risultato delle sottili ed intelligenti trame internazionali.

Bisogna allora agire politicamente, in prospettiva, da occidentali, per cercare di raddrizzare certi meccanismi e garantire un futuro più razionale e pacifico ai nostri figli (ed a quelli dei nostri nemici).

La proposta di MO Unione Mediterranea sulla tracciabilità della filiera delle armi vuole partecipare a questo moto raziocinante, e rientra nel concetto espresso dall’intuito di Giovanni Falcone secondo il quale seguendo il percorso del danaro si arriverebbe alla radice di un male. In questo caso si potrebbe capire chi arma questi terroristi i quali, come un cane che si morde la coda, alimentano a loro volta la necessità di produrre armi per difendersi dalla loro minaccia. Una situazione win-win per l’industria bellica internazionale che dovrebbe poter essere tracciata pubblicamente.

« Articoli precedenti